Banner

Ultima foto gallery

Banner

Ultime Sport

Hockey prato, il Cus Unime ferma sul pari l’HC Ragusa



Il miglior CUS Unime della stagione frena la corsa della corazzata HC Ragusa. Gli universitari al Dusmet di Catania impongono ai ragusani un 2-2. Il...
Leggi tutto...
Contro uno spento Catanzaro il Messina non va oltre il pari



La sorte non è stata sicuramente dalla parte del Messina che torna a casa con mille rimpianti ed occasioni sprecate.   Contro un Catanzaro che...
Leggi tutto...
Play off Prima Divisione, buona la prima per il Messana Tremonti



Le attenzioni in casa messinese sono ora rivolte alla gara di ritorno in programma il 12 Aprile alla Palestra Juvara alle ore 12.   Incomincia con...
Leggi tutto...
L'Ossidiana tira fuori la grinta e batte Rari Nantes Napoli



La formazione allenata da Nicola Germanà ha gettato il cuore oltre l’ostacolo e con una prova maiuscola per carattere e voglia di vincere ha...
Leggi tutto...
Waterpolo vince a Catania il primo round dei play off scudetto



Le messinesi battono le etnee col punteggio di 9-4 e si aggiudicano la gara di andata dei quarti di finale dei play off scudetto.   Con...
Leggi tutto...
Banner
Banner

Chi è online

 1238 visitatori online
Banner

Contattaci

Banner
C. d'Orlando.Tentano di truffare anziano, arrestati due messinesi PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Cronaca - News
Giovedì 14 Ottobre 2010 10:51
AddThis Social Bookmark Button

I due arrestati avevano messo in atto la, ormai collaudata, tecnica dell'eredità. La denuncia della figlia ha evitato la truffa.


Pietro Di BlasiLa Polizia di Capo D’Orlando ha arrestato due pregiudicati messinesi che hanno tentato di truffare un anziano, facendogli credere che avrebbe potuto ricevere del denaro da una eredità destinata ad defunto. E' stata la figlia dell'anziano a sospettare della truffa ed ha avvisato il Commissariato. Gli agenti sono intervenuti rtempestivamente cogliendo i truffatori in flagranza di reato. Per il 56enne Pietro Di Blasi ed il 44enne Carlo Rizzo si sono spalancate le porte del carcere di Gazzi.

 

L'episodio è avvenuto nella tarda mattinata di ieri. Uno dei due truffatori ha avvicinato l'anziano chiedendogli informazioni su una persona del posto, presumibilmente un medico, che durante la seconda guerra mondiale aveva salvato la vita ad un congiunto. A quel punto è entrato “in scena” l'altro complice, asserendo di essere un medico, ed ha riferito che la persona in questione era deceduta qualche anno fa. La “sceneggiata” ha raggiunto il suo culmine quando il truffatore ha finto di essere dispiaciuto tanto da scoppiare in lacrime. Distrutto e affranto, e non potendo donare i 5o mila euro al defunto, ha deciso di destinarli ai due suoi “amici”.

 

Il complice, ha affermato che per effettuare la donazione sarebbe stato necessario un rogito notarile, che aveva un costo, per il quale sarebbe stato disposto ad accolarsi metà delle spese. L'altra metà l'avrebbe dovuta pagare l'anziano che ha chiesto la somma alla figlia. Dopo il rifiuto di quest'ultima, è andato a casa per racimolare il denaro, attingendo ai risparmi di una vita. La figlia, insospettita dall'episodio, ha informato gli agenti del Commissariato di Capo d'Orlando, che prontamente si sono messi sulle tracce dell'anziano e lo hanno individuato mentre consegnava il denaro ai truffatori. Data la flagranza del reato, i due pregiudicati sono stati arrestati per tentata truffa in concorso.

 

Carlo Rizzo