XII CORTILE TEATRO FESTIVAL, ritorno alla “nudità” del palcoscenico e alla vera essenza del teatro

Sarà Gaspare Balsamo, uno dei più famosi cuntisti siciliani, a inaugurare il 17 luglio la XII edizione del “Cortile Teatro Festival”

Dal 17 luglio al 7 agosto la prima parte del XII “Cortile Teatro Festival”. Un’edizione con meno spettacoli rispetto al passato, ma dai presupposti ben chiari. «Il teatro nella sua essenza più stretta e consapevole: questa è la caratteristica di questa dodicesima edizione del Cortile Teatro Festival». Così il direttore artistico Roberto Zorn Bonaventura introduce l’appuntamento del 2023, in programma dal 17 luglio al 7 agosto nella sede storica del Cortile settecentesco di Palazzo Calapaj – D’Alcontres di Messina, più un paio di appuntamenti a sorpresa nell’Area Iris.

E aggiunge: «Proponiamo un ritorno alla “nudità” del palcoscenico, per simboleggiare sia un momento sociale e politico che tende a mettere all’angolo tutto ciò che è espressione di pensiero sia la necessità di una “rinascita” che (ri)parta dal nucleo iniziale, mantenga la passione del pubblico (che non ci è mai mancata) e magari riaccenda l’interessa di tutti gli enti territoriali verso quella che è, e sempre sarà, una necessaria forma di spettacolo. Ecco perché torniamo, almeno per un anno, ad andare in scena soprattutto nel Cortile, e abbiamo allestito un cartellone di pochi, ma tutti importanti, spettacoli».

E il sottotitolo “Ti ti ti ti”? «Riprende il titolo di una canzone poco nota di Rino Gaetano, il cantautore che, pur essendo scomparso prematuramente, è riuscito a lasciare messaggi sociali e politici, che lo rendono perfettamente contemporaneo e in linea con ciò che vogliamo proporre».

Sarà Gaspare Balsamo, uno dei più famosi cuntisti siciliani, a inaugurare il 17 luglio la XII edizione del “Cortile Teatro Festival” di Messina con la prima assoluta del suo nuovo spettacolo “Simposio. Il cunto d’amore dei cattivi maestri”, di cui Balsamo è autore e interprete. Lo spettacolo prende le mosse dal “Simposio” di Platone, considerato uno straordinario atto scenico in cui il filosofo greco sfida apertamente i vari generi.

Lunedì 24 luglio la compagnia catanese “Lavorare d’incanto” presenterà “Cirasedda non abita più qui” con Vincenzo Ricca, drammaturgia di Roberta Amato e Alice Sgroi, regia di Nicola Alberto Orofino. «Natale detto Cirasedda – spiega il regista – è un bambino che passa le sue giornate sopra u’ bisolu della sua casa. Dentro la mamma esercita il mestiere più antico».

Lunedì 31 luglio sarà in scena il pugliese Donato Paternoster, autore e interprete di “Super Santos (Uno che ce l’ha fatta)”. Ispirato a una storia vera, lo spettacolo racconta la storia di una promessa di provincia, un ragazzo che negli Anni ’90 rinuncia agli scarpini da calcio e alla Serie A per rientrare nel mondo scalzo, come frate francescano.

Il 4 agosto sarà la volta nel nuovo spettacolo prodotto da Nutrimenti Terrestri, “La grande menzogna”, scritto e diretto da Claudio Fava e interpretato da David Coco. Il titolo si riferisce al furto di verità che il Paese ha subìto sulla morte di Paolo Borsellino.

Il Cortile Teatro Festival nasce da un’idea di Roberto Zorn Bonaventura, Giuseppe Giamboi e Stefano Barbagallo. Il Castello di Sancio Panza organizza il Festival con la collaborazione del ristorante ‘A Cucchiara, della Multisala Iris e con il sostegno di Latitudini, rete di drammaturgia siciliana.

La grafica, come sempre pregevole, è di Riccardo Bonaventura e richiama proprio il testo del brano di Rino Gaetano che costituisce il sottotitolo della rassegna.

Prenotazione obbligatoria al numero whatsapp 3487967879.

ARTICOLI CORRELATI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

6,704FansLike
537FollowersFollow
1,057FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI