A Messina vince l’oscurantismo, annullato l’evento con il filosofo Aleksandr Dugin

Attualità In Evidenza Messina

Le associazioni Città Plurale, Vento dello Stretto e Morgana hanno comunicato che l’evento previsto per oggi pomeriggio alle 17.00 nel salone del Royal Place Hotel  con la partecipazione del politologo e filosofo russo Aleksandr Dugin è sospeso. Il professor Dugin, a seguito delle polemiche generatesi, a causa della mancata concessione dei locali da parte dell’Università di Messina, ha infatti deciso di tenere in altra sede istituzionale, a Reggio Calabria, la propria conferenza, saltando l’appuntamento di Messina. “Non volendo alimentare oltre il fuoco della polemica sterile divampata nelle ultime ore -affermano le tre associazioni- riteniamo comunque doveroso bollare quanto accaduto come fatto gravissimo. In nome del  più becero oscurantismo illiberale ci siamo preclusi la possibilità di confrontarci con un politologo e filosofo, nonché docente universitario, di caratura internazionale e di intessere sulla base delle sue idee (pur controverse che siano) un dibattito proficuo e trasversale che avrebbe potuto essere fonte di ulteriore arricchimento culturale. A conclusione di una vicenda che ci lascia con l’amaro in bocca -concludono Vento dello Stretto, Morgana e Città Plurale- riteniamo necessario diffidare qualsivoglia organo di stampa nell’attribuire indebite, false e mistificatorie patenti di presunte ideologie neonaziste a quanti si sono impegnati per la realizzazione dell’evento in questione. Parlano da sole le attività anche ultra decennali in ambito culturale, sociale, civile, universitario, ambientale e di solidarietà con gli ultimi svolte sul territorio”.