Cambiando letto si dorme male? La colpa è del cervello. Una ricerca rivela perché succede

Di solito quando la prima notte si dorme in un posto nuovo, che sia una casa o un albergo, siamo implicati da un sonno poco ristoratore e ‘faticoso’. È tutta una ‘questione di cervello’: uno dei suoi due emisferi infatti rimane ‘sveglio’ e in allerta, l’altro dorme. Un effetto che però si verifica unicamente la prima notte e che scompare già dalla seconda. A scoprirlo sono stati i ricercatori della Brown University di Providence,coordinati da Yuka Sasaki, in uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology. “Sappiamo che gli animali marini e alcuni uccelli dormono con un emisfero cerebrale mentre l’altro rimane sveglio, spiega Sasaki. Anche se il cervello umano non mostra lo stesso loro grado di asimmetria, ha comunque un sistema in miniatura simile a quello di delfini e balene”.

Per capire cosa c’è dietro quello che è conosciuto come ‘l’effetto della prima notte’, i ricercatori hanno analizzato il sonno di 35 volontari durante la prima e la seconda notte trascorsa in laboratorio, servendosi di elettroencefalogrammi, magnetoencefalogrammi e risonanza magnetica. In questo modo hanno visto che nella prima notte di sonno i due emisferi del cervello mostravano diversi livelli di attività: quello del lato sinistro dormiva in modo più leggero dell’altro, in particolare nella prima fase di sonno profondo. Lo steso emisfero si è mostrato anche più sensibile a suoni e rumori, e rapido a svegliarsi ed entrare in attività. Ma tutto questo non si è più osservato nella seconda notte di sonno. L’effetto dura dunque la prima notte di adattamento.

ARTICOLI CORRELATI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

6,704FansLike
537FollowersFollow
1,057FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI