Falò di Capodanno e petardi contro le forze dell’Ordine, Basile: “Adesso basta, tolleranza zero!”

Il Sindaco di Messina ha chiesto la convocazione di un tavolo tecnico in Prefettura

Nonostate il super lavoro delle forze dell’ordine per raccogliere tonnellate di legna accatastata per i falò di Capodanno qualcuno è riuscito nel suo intento e ha sfidato chi era in servizio per tutelare la sicurezza dei cittadini lanciando loro dei petardi. Lo rende noto il sindaco di Messina Federico Basile che preannuncia tolleranza zero contro gli zozzoni e delinquenti.

“Da giorni -scrive Basile sulla sua pagina Facebook- si è lavorato incessantemente per evitare l’accensione dei cosiddetti falò di capodanno. Solo ieri mattina sono stati raccolti nel rione Annibale o meglio conosciuto come Case Gialle, 13.500 kg di materiale legnoso, il cui solo costo di smaltimento costerà alla comunità oltre 5.000 euro.

Sono state schierate tutte le forze dell’ordine, Polizia Municipale, Carabinieri e Polizia di Stato, per garantire al massimo l’ordine pubblico ed evitare episodi spiacevoli come accaduti negli anni precedenti.

Ma nonostante i grandi sforzi delle forze dell’ordine e della Messina Servizi Bene Comune -prosegue il Sindaco-, qualcuno con atteggiamento quasi di sfida nei confronti delle forze armate presenti sul luogo, ieri sera verso le 22 non solo ha dato fuoco ad una catasta di materiale legnoso, ma si è macchiato di un vile attacco, con lanci di petardi, a chi nel proprio ruolo stava svolgendo il proprio dovere.

La mia solidarietà agli agenti della Polizia municipale, alla Polizia di stato ai Carabinieri e agli operatori della MSBC, che ieri con grande senso del dovere erano in prima linea.

A coloro che invece pensano di poter ostacolare, con il proprio atteggiamento di sfida ed inosservanza delle regole, lo svolgimento dei servizi pubblici e la garanzia dell’ordine pubblico, sappiate -conclude Basile- che certi comportamenti non saranno più consentiti e tollerati, pertanto chiederò la convocazione di un tavolo tecnico con la Prefettura proprio per arginare atteggiamenti che ledono all’intera comunità.

ARTICOLI CORRELATI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL

6,704FansLike
537FollowersFollow
1,057FollowersFollow

ULTIMI ARTICOLI