Dal 22 luglio a rischio i servizi di Polizia Municipale a Messina

Attualità In Evidenza Messina

Dal 22 luglio, senza l’adozione della proroga assistita, 11 agenti concorsisti su 22 della Polizia Municipale svestiranno definitivamente la divisa. A sollevare il problema, oggi, è la Cisl Funzione Pubblica di Messina che sottolinea il rischio di vedere penalizzati i servizi di Polizia municipale.

«Malgrado i solleciti – dichiara il reggente della Cisl Fp Messina, Gigi Caracausi – ad oggi non è stata assunta alcuna determinazione in merito e mentre il tempo scorre inesorabilmente apprendiamo che il Dipartimento Risorse Umane avrebbe chiesto un parere, assolutamente non dovuto, al Collegio dei Revisori dei Conti. Ritenendo non producente tale atteggiamento dilatorio, sollecitiamo l’Amministrazione a compiere tutti gli atti necessari a dare seguito alla, più volte espressa, volontà politica della Giunta Comunale».

La preoccupazione del sindacato nasce dalla considerazione che la proroga assistita deve essere ratificata presso la competente Direzione Provinciale del Lavoro almeno 30 giorni prima del termine del rapporto di lavoro. «Sarebbe davvero ingiustificabile che, per le esitazioni di qualcuno, il Corpo di Polizia Municipale dovesse rinunciare al prezioso apporto dei giovani agenti che in questi anni hanno raggiunto un elevato standard di professionalità e hanno garantito, con la loro presenza sul territorio, un controllo altrimenti non più assicurabile. Perciò – conclude Gigi Caracausi – come Cisl riteniamo necessario ed urgente provvedere, senza indugio, assumere gli atti necessari per evitare il ragionevole rischio di dover registrare il venir meno di unità di personale al Corpo di Polizia Municipale che già risulta assai carente».