Arcidiacono e Cocimano replicano a Gambino: “Le mele marce hanno gli attributi, non sono conigli”

Calcio In Evidenza
Foto Emanuele Villari

«Le mele marce hanno gli attributi, le mele buone sono scappate come conigli». Hanno aspettato una settimana, in silenzio e lavorando, ma oggi Pietro Arcidiacono e Salvatore Cocimano, due dei leader dello spogliatoio giallorosso, hanno deciso di sfogarsi replicando alle parole che hanno seguito la partita tra Messina e Sancataldese.

«Se trovano una mela marcia nello spogliatoio strappiamo tutti lo stipendio – dicono – Qui ci sono solo uomini con gli attributi».

Arcidiacono e Cocimano riavvolgono il nastro alla prima parte della stagione, vissuta tra mille difficoltà e con uno spogliatoio spaccato. «Era facile andare via da Messina a dicembre, in quelle condizioni. Ci voleva, invece, coraggio e carattere per rimanere qui e salvare questa squadra che aveva appena 9 punti. Scendere dalla nave che imbarca acqua è troppo facile, lavorare per rimetterla sulla rotta giusta è stato il compito di tutti quelli che sono rimasti, a cominciare dai più grandi. I risultati sono sotto gli occhi di tutti e l’affiatamento che si è creato da dicembre in poi nel nostro gruppo è la testimonianza migliore di quello che c’è stato nello spogliatoio sino a dicembre».

I due giocatori, adesso, ricordano anche l’esultanza degli avversari dopo la vittoria del Franco Scoglio. «Alla fine è vero il detto: “ride bene chi ride ultimo”», sottolineano oggi.