Divieti di balneazione, ecco le zone vietate ai bagnanti messinesi

Attualità In Evidenza Messina
Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana del decreto dell’assessorato regionale della Salute, con il quale sono state fissate le date dell’1 maggio e del 31 ottobre per l’inizio e la fine della stagione balneare, il sindaco Cateno De Luca ha disposto l’ordinanza che disciplina i tratti di mare e di costa del territorio comunale, ove non è consentita la balneazione. Il dipartimento Ambiente e Sanità del Comune è incaricato di collocare i cartelli metallici per indicare i divieti, all’inizio di tutte le strade di accesso, pedonali o carrabili, a tutti i tratti di mare interessati. I tratti di mare e di costa permanentemente non adibiti alla balneazione per inquinamento sono quelli compresi dalla foce del torrente Larderia al torrente Portalegni, per un tratto di 6400 metri; da 50 metri sud dall’ex ospedale R. Margherita a 100 metri nord dalla foce del torrente Annunziata, per 630 metri; e da 100 metri a sud a 100 metri a nord del canale lago piccolo di Torre Faro per un tratto di 200 metri. Non sono inoltre balneabili le aree portuali tra via Brasile ed il torrente Portalegni, per 8950 metri; tra il porto di Tremestieri sino al torrente Larderia, per 1400 metri; e non balneabili temporaneamente, i 50 metri a sud dell’ospedale Regina Margherita per un tratto di 390 metri. Infine il divieto di balneazione vige anche per i tratti di mare e di costa interessati da immissioni di sbocco di canali, fiumi, torrenti e depuratori, dalla foce del torrente Giampilieri, per 270 metri; e da 100 metri ad est del depuratore di Acqualadroni a 100 ad ovest per 200 metri.