Presentata “Radici”, un’associazione aperta a tutti nell’interesse di Messina e dei messinesi

Attualità In Evidenza Messina

Stamane nella Sala Ovale di palazzo Zanca, il consigliere comunale Libero Gioveni e i consiglieri della III e V Circoscrizione, Alessandro Cacciotto e Maurizio Di Gregorio, hanno presentato in conferenza stampa, l’associazione culturale “Radici”. Si tratta di un progetto ad ampio respiro, nato dall’idea di un gruppo di persone che avevano già collaborato durante l’ultima campagna elettorale e che, anche se qualcuno non ha raggiunto il risultato previsto, hanno voluto fortemente creare un soggetto che si occupasse a 360 gradi dei problemi della città di Messina, ma che guarda anche alla provincia. E non è un caso che il sindaco di Forza D’Agrò, Fabio Di Cara, abbia invitato ufficialmente l’associazione Radici, per discutere dei loro progetti. Durante la conferenza stampa, Alessandro Cacciotto, ha più volte ribadito il concetto di “squadra”, che deve animare tutti gli associati e che deve avere un solo comune denominatore: “Il bene comune e l’interesse dei cittadini”.  Tra i soci fondatori, risultano dei professionisti come Fabio Morabito, nel ruolo di presidente dell’Associazione, e gli avvocati Umberto Cucè e Ada Di Per, che si occupa di Diritto di famiglia. Hanno aderito anche l’ex consigliere di Circoscrizione Nino Scuderi e altri candidati alle ultime amministrative come Attilio Ciliberto e Simone Todaro. Ma il “nocciolo duro” che fa ben sperare per il futuro è composto da un gruppo di giovani come Emanuele Villari, Giovanni Lombardo, Valeria Di Mento e Giovanni Danzi. Quest’ultimo è intervenuto durante la conferenza stampa, evidenziando l’importanza del contatto con il territorio e con i cittadini, ritenuto fondamentale per lo scopo di Radici.

L’Associazione nasce, non a caso, lontano dalle competizioni elettorali cittadine, per evitare eventuali strumentalizzazioni. Nonostante all’interno dell’associazione, i fondatori appartengono ad un’area politica ben chiara (Pd), Libero Gioveni ha tenuto a precisare che: “Noi siamo aperti a tutte le forze politiche e non vogliamo alcuna etichetta “partitica”. Da noi tutte le persone di ogni area politica sono i benvenuti, purchè abbiano come unico obiettivo l’interesse della città e dei messinesi. Questo -prosegue Gioveni- forse farà storcere il muso a qualcuno, ma noi siamo uomini e messinesi prima di essere politici e il nostro interesse è stato e sarà sempre al di sopra di qualsiasi interesse partitico”.