Acr Messina evanescente, FC Messina si aggiudica la stracittadina

La vittoria odierna della stracittadina è andata al Football Club Messina, che ha battuto l’Acr Messina per 3-0. E’ stata una vittoria meritata per quanto visto in campo, i ragazzi di Costantino hanno mantenuto una supremazia nel possesso palla e nelle azioni offensive per tutta la durata della gara. L’Acr Messina non ha mai impensierito l’avversario e gli unici pericoli sono arrivati da due calci di punizione di CrucittiOtt Vale. Davvero poco per contrastare un FC Messina che oggi non ha risparmiato le energie e che, al contrario delle ultime gare, è stato prolifico anche in termini di gol.

Il primo tempo, nonostante il buon gioco espresso dal FC Messina, è stato primo di emozioni vere. L’Acr Messina si è affacciato nell’area avversaria con Esposito e Crucitti, senza alcun successo. Non è andata meglio agli ospiti che hanno costruito tanto, ma negli ultimi metri si sono rivelati evanescenti.

La ripresa inizia con il Football Club in avanti con Bevis che percorre tutta la fascia destra, appoggia per Giuffrida, ma il suo tiro è da dimenticare. Al 52’, errore della difesa di casa, ne approfitta Carbonaro che libera bene Dambros, gran tiro a giro del brasiliano, imprendibile per Davella che si insacca in rete: 0-1. Si attende la reazione dei biancoscudati, invece è ancora il FC Messina ad andare in rete dopo appena un minuto dal gol del vantaggio: lancio lungo per Carbonaro che si invola per vie centrali, supera Ungaro e, a tu per tu con Avella non sbaglia: 0-2. Rando cerca di correre ai ripari inserendo Siclari e Strumbo, ma la la musica non cambia. E’ sempre il FC Messina ad avere il pallino del gioco e al 66’ Coria pennella una punizione in area, arriva Carbonaro di testa e firma la sua doppietta personale: 0-3. Gli ospiti hanno la possibilità di andare ancora a segno con Carrozza che sbaglia incredibilmente da breve distanza e con Carbonaro Marchetti il cui tiro si stampa sul palo. L’Acr Messina si rende pericoloso solo in occasione di due calci di punizione: il primo calciato da Crucitti ben neutralizzato da Aiello, il secondo da Ott Vale che colpisce la traversa. Davvero ben poco per una squadra che, nelle intenzioni della società, era stata costruita per stare ai vertici della classifica. Da domani, come preannunciato dall’AD Paolo Sciotto, inizierà una rivoluzione che era prevista a dicembre.

(Foto Emanuele Villari)