Messina è la prima città metropolitana ad aver approvato il bilancio di previsione 2020-2022

Dopo cinque ore di dibattito sul merito e sul metodo, il Consiglio comunale di Messina ha approvato il bilancio di previsione 2020/2022.

“Con 23 consiglieri presenti, 18 favorevoli, 2 astenuti e 3 contrari, abbiamo raggiunto uno storico risultato: approvare il bilancio di previsione entro l’anno. Nessuna città metropolitana ci è riuscita. Così come mai le precedenti Amministrazioni comunali messinesi avevano raggiunto tale traguardo”. A riferirlo è il Sindaco della città di Messina, on. Cateno De Luca.

“Si tratta – spiega il primo cittadino – di una manovra di bilancio che, nel 2020, ammonta a circa 800 milioni di euro. Avendo approvato entro il 31 dicembre il bilancio di previsione potremo procedere all’acquisto della compendio immobiliare Città del Ragazzo di Gravitelli, per realizzare il ‘dopo di noi’ e il ‘Palagiustizia’. Inoltre, potremo acquistare il terreno immobile denominato ‘Torre Morandi’ di Torre Faro per realizzare parcheggi. Il mio ringraziamento va a tutti i consiglieri comunali, assenti giustificati e presenti, per aver scritto insieme una pagina di storia”.

Sempre nella giornata odierna, il consiglio comunale ha approvato il piano triennale delle opere pubbliche 2020/2022 con la previsione di oltre 400 milioni di euro di investimenti già finanziati da effettuarsi e completarsi entro il 31 dicembre 2022. Su 24 consiglieri comunali presenti (totale 32) 15 hanno votato a favore e 9 si sono astenuti.

Infine, l’Aula (Consiglieri presenti 17 Favorevoli 15 Contrari 1 Astenuti 1), ha approvato il bilancio consolidato di gruppo degli enti locali. Si tratta dello strumento che sintetizza la situazione economico- finanziaria del Gruppo di Amministrazione Pubblica (GAP) rappresentata dal comune e da tutte le sue partecipate.

I lavori del Consiglio comunale sono stati aggiornati al 27 dicembre ore 10:00.