Cerasuolo di Vittoria ed Etna saranno protagonisti ai prossimi eventi di Cinemadivino


Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82
Oct 17,
Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83
2018

Vicini al sold out le proiezioni del week end di cinemadivino. La manifestazione che ha creato un connubio tra cinema e vino, aggiungendo i prodotti tipici del territorio si appresta a far vivere agli appassionati un grande week end. Venerdì e sabato in scena anche il grande vino. Venerdì 7 settembre all’Enoteca provinciale di San Placido Calonerò la degustazione sarà affidata al vino Frabianco e al Cerasuolo di Vittoria dell’azienda Judeka. Sullo schermo dopo la degustazione sarà proiettato “Il Colore nascosto delle cose” di Silvio Soldini, con Valeria Golino e Adriano Giannini. L’appuntamento è organizzato in collaborazione con il Cral della città metropolitana presieduto da Gaetano Antonazzo. Sabato 8 settembre a Casa Merlino a Randazzo (contrada Feudo Sant’Anastasia) sarà la volta dell’Etna Bianco e dell’Etna Rosso dell’azienda Cottanera dei messinesi Francesco, Mariangela ed Emanuele Cambria. Il film in programma “Come un Gatto in tangenziale” di Riccardo Milani con Antonio Albanese e Paola Cortellesi. Promotori dell’iniziativa l’associazione culturale La Zattera dell’Arte rappresentata da Ninni Panzera, che è anche consulente artistico del cartellone di eventi, Passpartao Events di Andrea Melita e Lillo Sciliberto, e Tb Design di Tina Berenato. Per prenotare e ricevere informazioni: 3890271158 This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.. Venerdì 14 settembre, alle 20,30, la cerimonia di chiusura al Marina del Nettuno, che, fuori cartellone, promuoverà un’altra proiezione e un evento dedicato ai giornalisti e agli addetti ai lavori. Lo slogan di Cinema di Vino è “i grandi film si gustano in cantina”. Si tratta di un percorso enogastronomico “visionario” lungo le strade e nelle cantine d’italia. Cinemadivino sino ad oggi ha realizzato rassegne in 13 regioni italiane, con 735 serate (di cui 571 in Emilia Romagna), coinvolgendo 830 cantine e circa 82.000 spettatori.

Riunione a Palermo su sicurezza scuole, De Luca: "Potrebbero riaprire anche a ottobre"


Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82
Oct 17,
Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83
2018

Da stasera è stata istituita l’unità di crisi regionale con i rappresentanti della protezione civile - assessorato infrastrutture - assessorato pubblica istruzione - città metropolitane. Il sindaco di Messina, Cateno De Luca,  è stato designato dal presidente dell’ANCI Sicilia, rappresentante nell'unità di crisi. La città di Messina è stata individuata per il progetto pilota di redazione delle schede AEDES che consentirà ad una task force formata da tecnici della protezione civile e del genio civile di stabilire entro un mese la vulnerabilità sismica di tutti i plessi scolastici.

Domani mattina alle ore 10:00, si terrà un incontro tra il sindaco e il Prefetto di Messina per discutere dell’ordinanza di chiusura delle scuole, che allo stato attuale rimane in vigore fino a quando la camera dei deputati non approverà il cosiddetto mille proroghe che consente di usufruire di un altro anno per poter adeguare i plessi scolastici alle norme antisismiche ed antincendio. Messina è stata bacchettata dall’assessore regionale alla pubblica istruzione Roberto La Galla, per non aver presentato istanze idonee in occasione dei vari bandi regionali che hanno messo a disposizione centinaia di milioni di euro per queste finalità. Domani mattina sarà istituito un gruppo di progettisti interni al Comune di Messina, per realizzare un parco progetti di messa in sicurezza di tutti i plessi scolastici al fine di ottenere le risorse che già altre città hanno avuto assegnate in questi anni.

"Se a Messina le scuole apriranno ad ottobre che problema c’è? -ha affermato De Luca-, quando avrò la certificazione che non ci sono rischi sotto il profilo sismico revocherò l’ordinanza".

Eliminazione pedaggi e declassamento autostrade, la proposta di CittadinanzAttiva


Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82
Oct 17,
Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83
2018
Autostrade A18 e A20, CittadinanzAttiva Sicilia per garantire la sicurezza degli utenti, chiede il declassamento a Strada Statale, con l'abolizione del pedaggio, l'introduzione del limite di velocità e l'intervento della Forestale per eliminate, i pericoli imminenti di incendio e di crollo alberi di alto fusto sulla sede stradale. Ribadisce che le criticità contestate a suo tempo dall'Anas, si sono pericolosamente  aggravate a cominciare: dai guardrail, dalle barriere antirumore inesistenti, alla segnaletica orizzontale e verticale, alla pericolosità di ponti e gallerie e a tutte le altre, a cui il Cas non ha mai ottemperato. CittadinanzAttiva Sicilia lancia l'appello al Presidente della Regione Siciliana Musumeci, che venerdì 24 agosto incontrerà i vertici dell'Anas, del Cas, della Protezione Civile e dei Sindaci interessati, questa volta si rivolge anche al Sindaco della Città Metropolitana di  Messina on. Cateno De Luca (gran parte dell'autostrada si sviluppa nell'area metropolitana del messinese), perché si intervenga con tempestività e razionalità, per l'eliminazione delle criticità come dichiarato dal Presidente Giuseppe Pracanica: "A fine  giugno prima dell'arrivo dei possenti venti di scirocco e dei consueti incendi dolosi,  CittadinanzAttiva aveva chiesto a mezzo stampa  al Prefetto, all'Assessore alle infrastrutture e Mobilità della Regione Sicilia e ai responsabili del Cas,  perché si provvedesse a rendere sicure le  Autostrade. Adesso serve ancora un atto di coraggio per chiudere il Cas, che è stato considerato sempre dall'utenza un carrozzone politico, capace di fare ammalorare l'unica tratta autostradale a pagamento del Sud Italia. Le ultime due interruzioni del traffico (come da noi preannunciato) si sono avute sull'A18 per una caduta di un albero di alto fusto su un camion, procurando fortunatamente solo due feriti, mentre nelle stesse ore sull'A20 la tratta è stata chiusa per un incendio".
I due sensi di marcia delle Autostrade A18 e A20, assieme ad alcuni svincoli, sono oscurati da una folta vegetazione di alto fusto cresciuta in maniera spontanea e pericolosa: eucalyptus,  pini domestici e Sambuco i cui rami in alcuni tratti abbracciano le carreggiate, che si sommano ai grovigli di rovi, fichidindia e sterpaglie. L'incuria e la pericolosità sono palesi e fanno capire, da quanti decenni non si effettuano i tagli nelle aree ai bordi delle carreggiate. Inoltre i canali di scolo delle acque bianche sopra l'arco delle gallerie, lungo i bordi delle carreggiate  e sui muri di contenimento, sono ostruiti da terriccio e sterpaglie che periodicamente fanno scivolare pericolosamente del materiale sul manto stradale.
CittadinanzAttiva plaude all'intervento del Presidente Musumeci, per la chiusura del Cas senza creare, altro inutile "Stipendificio Carrozzone parallelo" e ribadisce ulteriormente, che la presenza del Cas Consorzio Autostrade Siciliane "gestore" a pagamento, di circa 300 chilometri di autostrada in Sicilia è antistatutaria.

Il Patto per il Sud rischia di rivelarsi un grande buff, a rischio milioni di euro per la Sicilia


Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82
Oct 17,
Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83
2018
La nostra Regione rischia di perdere il fiume di risorse previsti dal Patto per il Sud. Messina capofila con oltre 60 milioni solo per ex Ospedale Margherita ed iniziale bonifica e riqualificazioen della Zona Falcata. Sicilia Futura è disponibile a creare un tavolo regionale, allargato ai deputati e senatori che vogliano affrontare in modo serio il problema della spesa di questi fondi. Ilsegretario regionale di Sicilia Futura, Beppe Picciolo, si rivolge a tutti i suoi colleghi, affinchè non si verifichi l'ennesimo bluff nei confronti della nostra martoriata Isola. “Il Patto per il Sud -afferma Picciolo- ha assegnato grandi risorse alle Regioni convergenza e tra esse alla Sicilia che opera attraverso le amministrazioni pubbliche.  Il nuovo codice degli appalti, che costituisce lo strumento operativo imposto dalla normativa, vuole però che possano essere finanziati solo i progetti esecutivi. Tuttavia le amministrazioni pubbliche possono produrre progetti esecutivi solo di piccola dimensione e impegno, per evidenti difficoltà di organizzazione. 
Per quanto riguarda l'amministrazione regionale, invece -spiega il segretario di Sicilia Futura-, va tenuto conto che il fondo di rotazione per la progettazione risulta ancora poco accessibile (solo gli enti locali e per importi piccoli).  Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da … piangere! Pertanto, nell'ambito delle procedure di revisione del codice degli appalti annunciate dal governo nazionale, servirebbe SUBITO un intervento finalizzato a riabilitare “senza se e senza ma” l'applicazione dell'appalto integrato (progettazione esecutiva+lavori), consentendo alle amministrazioni di pervenire al livello definitivo di progettazione. Altrimenti il rischio vero è che una grossa fetta dei finanziamenti del Patto per il Sud (...ed in Sicilia ed a Messina sono tanti ma tanti milioni di euro) vadano in fumo! Discorso forse troppo tecnico ma di una importanza strategica micidiale.  Sicilia Futura -prosegue- è disponibile a creare un tavolo regionale, allargato ai deputati e senatori che vogliano affrontare il problema in modo serio, per cercare una soluzione che ci consenta di spendere i finanziamenti!  Sarebbe una vergogna se, ad esempio, i 40 milioni di euro per la ristrutturazione dell’ex Ospedale Margherita di Messina o i 20 milioni per la iniziale bonifica e riqualificazione della Zona Falcata non si riuscissero ad utilizzare per cavilli amministrativi o burocratici.  Sicilia Futura -conclude Picciolo- non molla la presa, altri forse stanno dormendo, sveglia!!!!! Noi ci siamo”.

Domani il vicepremier Matteo Salvini sarà a Furci Siculo


Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82
Oct 17,
Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83
2018

 “Il ministro dell’Interno e vicepremier, Matteo Salvini, sarà domani sera, alle 19.45, in piazza Petroselli sul lungomare di Furci Siculo (Messina) per un incontro istituzionale con il sindaco del Comune Ionico e responsabile provinciale enti locali della Lega, Matteo Francilia, al quale parteciperà anche l’assessore comunale a Catania e responsabile regionale enti locali del partito, Fabio Cantarella”. Lo ufficializza, in una nota, Francilia. Al suo arrivo previsto un punto stampa con i giornalisti per fare un focus sulla situazione regionale e provinciale e rilasciare eventuali interviste.  Subito dopo Salvini farà un giro a piedi sul lungomare di Furci, per fermarsi poi a cena in un ristorante del luogo, dove si svolgerà una riunione politica con gli esponenti locali del partito. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, alle 18,45, andrà alla Base navale di San Raineri, Salvini a Messina, dove visiterà il Pattugliatore Multiruolo Monte Sperone del Gruppo aeronavale della Guardia di Finanza.

Giorni da Bollino Nero per chi si imbarca a Villa S. Giovanni, fino a tre ore di attesa


Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82
Oct 17,
Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83
2018

E' stimato in tre ore il tempo di attesa per il traghettamento per la Sicilia sullo Stretto. Lo rende noto l'Anas. "Sull'A2 'Autostrada del Mediterraneo', a causa delle difficoltà nelle operazioni di traghettamento sullo Stretto di Messina e in accordo con le linee operative predisposte di concerto con la Prefettura di Reggio Calabria - dice Anas - allo svincolo di Villa San Giovanni è stata decretata la fase di emergenza di terzo livello, con chiusura dello svincolo autostradale per i veicoli provenienti da nord. Attualmente, in autostrada, la coda ha raggiunto lo svincolo di Santa Trada''. I veicoli provenienti da nord e diretti in Sicilia vengono deviati al successivo svincolo di Campo Calabro, per reimmettersi in autostrada in direzione nord. Da parte del personale Anas sono in distribuzione bottigliette d'acqua agli automobilisti in attesa.

Rete ospedaliera, Picciolo soddisfatto: "Adesso speriamo che da Roma giungano atti concreti"


Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82
Oct 17,
Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83
2018
“Il nostro voto in Commissione sanità, grazie al sì dell'onorevole D'Agostino, si è rivelato determinante. La scelta di supportare la nuova rete ospedaliera anche perché, sostanzialmente, questa rispetta l'impianto della bozza di quella precedente, come ampiamente da noi previsto in tempi non sospetti, è stato un atto dovuto per una sanità da troppo tempo “commissariata e precarizzata. La parola per la  sostenibilità economica passa ora al Governo nazionale”. Lo afferma il segretario regionale di Sicilia Futura, Beppe Picciolo, che ricorda come il documento approvato ieri comporti un aumento del fabbisogno economico a “ spanne “, per la attuazione della Rete , di almeno 400 milioni di euro  (cifre non disponibili per la sanità isolana secondo il precedente Governo Nazionale e che invece oggi “si spera” non verranno negate). “Auspichiamo quindi – ha concluso Picciolo – che in sede di ultima approvazione Ministeriale si possa ancora migliorare la configurazione della Rete Ospedaliera, trovando le soluzioni più corrette per quelle realtà presenti ad esempio a Ragusa, Trapani o nella stessa Messina (con l'ospedale Papardo ancora bloccato sul DEA di I livello) le cui potenzialità richiedono un ulteriore sforzo da parte di chi detiene i cordoni della borsa, per far sì che tutti i territori possano ritenersi appena soddisfatti ed esprimere una assistenza sanitaria davvero migliore”.

Mezzi in dotazione ai Vigili del fuoco vetusti, Germanà: "Intervenga Salvini"


Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82
Oct 17,
Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83
2018

"Ho presentato un'interrogazione al ministro dell'Interno, Matteo Salvini, poiché negli ultimi giorni diverse province siciliane, in special modo quelle di Catania, Messina, Palermo, Agrigento e Trapani sono state caratterizzate dalla gestione di grossi incendi che hanno impegnano numerose squadre di vigili del fuoco provenienti da diverse province siciliane ed anche sezioni operative provenienti dalla Calabria e Campania. Tali incendi hanno tenuto impegnati gli uomini e messo a dura prova la macchina dei soccorsi che è caratterizzata dalla gestione di situazioni di normale emergenza; purtroppo i mezzi in dotazione al Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco per far fronte alle emergenze sono vetusti e le risorse insufficienti per la riparazione dei numerosi mezzi parcheggiati nelle officine non consente di avere mezzi sufficienti a garantire lo sforzo messo in campo". Non mi stancherò ad intervenire sull’argomento finché il governo non darà risposte concrete".

Lo dichiara in una nota il deputato di Forza Italia Nino Germanà che prosegue: "il governo dovrebbe avere contezza della peculiarità dell’isola e dei problemi che la caratterizzano come ho già denunciato in passato e quindi comprendere meglio i timori e le difficoltà che quotidianamente i vigili del fuoco siciliani sono costretti ad affrontare e trovare soluzioni adeguate. I vigili del fuoco siciliani, come del resto tutti i Vigili del Fuoco, hanno saputo dimostrare e mettere in campo la propria professionalità in diverse situazioni emergenziali, ma se non verranno supportati da mezzi ed attrezzature idonee a salvaguardare la propria incolumità e quella della cittadinanza, tutto ciò renderà difficoltoso il servizio istituzionale. Pertanto chiedo al ministro Salvini se sia a conoscenza di tutto questo e quali iniziative di sua competenza intenda intraprendere al fine di provvedere, in tempi brevi, all’assegnazione temporanea di strumenti adeguati nonché all’ammodernamento dei mezzi e delle attrezzature utilizzati dai Vigili del fuoco della regione Sicilia al fine di tutelare l’incolumità degli operatori e della cittadinanza," conclude Germanà.

Bus delle FS viaggia con i privati, Uiltrasporti: "Potenziamento treni? Logica incomprensibile"


Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82
Oct 17,
Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83
2018

Lunedì 23 luglio ore 16 porto di Villa San Giovanni dalla nave Telepass di Caronte&Tourist sbarca il primo bus di Busitalia Fast società del gruppo FSI che svolge la linea Catania - Messina - Cosenza . Accade anche questo ! "Le ferrovie dello Stato -afferma Michele Barresi di Uiltrasporti- dopo decenni di abbandono e dismissione nell'area dello Stretto, ormai possono permettersi di fare qualunque cosa indisturbati , persino mettere Servizi bus e non treni e persino farli traghettare con il vettore privato pur avendo Fs ben due compagnie di navigazione operanti tra le sponde dello stretto ( Rfi e Bluferries). Impossibile capire la logica in cui opera, ma una cosa è certa, la nostra politica conta ben poco, volevamo più treni e più mezzi pubblici di traghettamento e ci hanno dato invece bus che traghettano col privato. Alziamo la testa".

Galluzzo interviene sul Ponte: "Toninelli è il ministro di tutti non della piattaforma Rousseau"


Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 82
Oct 17,
Notice: Undefined property: K2ViewItemlist::$item in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83

Notice: Trying to get property of non-object in D:\inetpub\vhosts\infomessina.it\httpdocs\templates\ts_dailytimes\html\com_k2\templates\default\tag.php on line 83
2018

«Invito il ministro Toninelli, alla luce delle sue ultime dichiarazioni contro il Ponte sullo Stretto, a spiegarci quali investimenti intende fare a favore dell’economia siciliana per superare l’attuale isolamento logistico e garantire continuità territoriale e tempistiche da economia moderna, senza cui non si può essere competitivi sui mercati nazionali ed europei più importanti». Il deputato regionale di “Diventerà Bellissima” Pino Galluzzo torna a ribadire l’importanza strategica del Ponte per il futuro della Sicilia e non solo: «Toninelli ci dice che il Ponte non si può fare per una ragione di costi e benefici, ma questo ci sembra un argomento ormai superato e facilmente confutabile con i dati, venuto fuori in concomitanza con la scelta bizzarra di stabilire un collegamento tra Sicilia e Calabria attraverso pullman delle ferrovie. Ci dica invece Toninelli se questo piano ha una regia che parte dal suo governo e dal suo ministero, e quale calcolo di costi e benefici impedisce un altro tipo di progettualità per le sorti delle regioni del Sud, all’altezza degli standard che un’economia avanzata richiede. Riteniamo che il Ponte sia un’opera fondamentale – afferma l’on. Pino Galluzzo, già presidente della Commissione speciale per il Ponte istituita dall’ex Provincia regionale di Messina e componente della Rete civica per le Infrastrutture nel Mezzogiorno. – Basta con le chiacchiere, Toninelli si confronti con i siciliani e con il governo regionale di Musumeci, che il Ponte lo ha messo come priorità infrastrutturale nel suo programma. Chieda a loro quali infrastrutture sono necessarie per lo sviluppo e il rilancio dell’isola e del Sud. Metta da parte ogni riserva ideologica ricordando che è il ministro di tutti, e non della piattaforma Rousseau».

Vi informiamo che utilizziamo dei cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza di navigazione. Maggiori informazioni sono sulla pagina privacy.Grazie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information