Taormina Film Fest riparte tra generi e Black Woodstock

Taormina Film Fest riparte con tre nuovi direttori, Francesco Alò, Alessandra De Luca e Federico Pontiggia, sei opere prime e seconde in concorso e sette grandi première nazionali e internazionali. La 67ma edizione (27 giugno 3 luglio) sarà poi nel segno dell’identità femminile con OCCHI BLU, film d’esordio di Michela Cescon, HONEYMOOD dell’israeliana Tanya Lavie, FRACTAL dell’iraniana Rezvan Pakpour e con una giuria che annovera tre donne su cinque componenti, presieduta dalla regista Susanna Nicchiarelli.

Tra i film da non perdere la black Woodstock di SUMMER OF SOUL, ovvero l’iconico concerto all’Harlem Cultural Festival del 1969 con B.B. King, Nina Simone, Stevie Wonder recuperato dal regista Ahmir “Questlove” Thompson con un inedito accesso al materiale d’archivio.
Particolare attenzione poi agli autori italiani: dalla commedia road movie BOYS di Davide Ferrario all’inquietante distopia de LA TERRA DEI FIGLI di Claudio Cupellini, da ATLAS di Niccolò Castelli, all’innovativo horror A CLASSIC HORROR STORY di Roberto De Feo e Paolo Strippoli, con cui Netflix debutta al Taormina Film Fest.
Previsti poi incontri con Giuseppe Tornatore e Ferzan Özpetek nel ventennale de Le Fate Ignoranti.