Messina, si dimettono gli assessori Trimarchi e Scattareggia, non mancano le polemiche

L’Assessore alla Pubblica Istruzione, Formazione e Toponomastica Roberto Vincenzo Trimarchi con una lettera inviata al Sindaco Cateno De Luca, ha rassegnato oggi, giovedì 30 luglio 2020, le proprie dimissioni. “Intendo rimettere il mio mandato da Assessore – si legge nella nota – in quanto motivi familiari non mi consentono più di espletare il mio lavoro a tempo pieno. Manifesto da subito la disponibilità ad una collaborazione con la S.V. con la quale ho condiviso il programma elettorale e la sua attuazione in questo scorcio di percorso”. Nel documento Trimarchi conclude: “La ringrazio per la fiducia che ha riposto nella mia persona, e contestualmente ringrazio tutta la Giunta Municipale con la quale ho sempre intessuto rapporti di stima e di piena collaborazione”.

Non è dello stesso tono, invece, la lettera di dimissioni di Pippo Scattareggia che esordisce, rivolgendosi al sindaco Cateno De Luca: “Nella giunta di ieri ho appreso di non voler confermare la fiducia relativamente al mio incarico assessoriale, adducendo insoddisfazione per i contenuti della mia II^ Relazione Annuale e quindi del mio lavoro svolto sino ad oggi”. Si comprende, quindi, che sono state dimissioni “indotte” dal capo dell’amministrazione comunale. Scattareggia si dice amareggiato e parla di “forti pressioni esterne sulla smaniosa e pressante richiesta di mie dimissioni da parte di ambienti fino a ieri lontani dal nostro progetto”. L’ormai ex assessore, ritiene infine di aver svolto il suo mandato “con tenacia, umiltà, correttezza e sempre con grande onestà, mettendo a disposizione dell’intera comunità le mie competenze”.

Cateno De Luca ha revocato anche l’incarico di direttore generale all’attuale segretario generale Rossana Carrubba. Il primo cittadino in campagna elettorale ha sbandierato ai quattro venti che quello del dg era un incarico inutile ed oneroso, criticando aspramente i suoi predecessori, adesso, invece, pare si stia adeguando alla politica da lui tanto criticata, dimenticando in fretta quanto dichiarato soltanto due anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *