la “missione spaziale” di ABC è stata portata a termine, Pediatria trasformato in astronave

Da ieri i bimbi ricoverati in Chirurgia Pediatrica del Policlinico di Messina, hanno la netta sensazione che, nell’ambiente nel quale riceveranno le cure mediche non sia più un ospedale, ma un’astronave che vaga nello spazio. Un sogno divenuto realtà grazie all’associazione ABC Onlus che da anni opera all’interno del nosocomio messinese, rendendo meno triste la degenza ai piccoli ricoverati nei vari reparti. I volontari durante il pomeriggio intrattengono i bimbi con vari giochi e la sera danno loro la buonanotte leggendo le favole. Non mancano feste e manifestazioni varie durante l’anno, in coincidenza degli eventi festivi come il Natale. I reparti sono stati resi più confortevoli con acquisto di poltrone letto per le mamme, arredi, Tv, una cucina per poter preparare pasti caldi, giocattoli e tanto altro. Adesso lo sforzo economico più forte (ABC non vuole che si renda nota la cifra esatta ma vi garantiamo che si tratta di diverse migliaia di euro) è stato compiuto. Grazie alla generosità dei messinesi che contribuiscono con le loro donazioni durante le manifestazioni organizzate in città, adesso il nuovo Reparto di Chirurgia Pediatrica è davvero di una bellezza “Spaziale”. Una società specializzata ha realizzato il tutto e ieri si è svolta l’inaugurazione. Alle 15 si è tenuto un convegno organizzato dal prof. Carmelo Romeo, primario del reparto, al quale hanno partecipato numerosissime persone, insieme al direttore generale Michele Vullo ed al rettore Pietro Navarra. L’idea realizzata da ABC, è nata anche grazie ai progetti delle dottoresse Francesca Cuzzocrea, Tiziana Dominici, Maria Cristina Gugliandolo e Rosalba Larcan, in stretta collaborazione con l’equipe di Romeo e grazie al supporto dell’Università di Messina e dell’azienda ospedaliera G. Martino. Dopo l’inaugurazione, i volontari ABC hanno intrattenuto i piccoli pazienti con balli, recite e canti. Infine l’ultimo sforzo dell’Associazione, ha consentito di donare regali di Natale a tutti i piccoli pazienti che hanno assistito con gioia allo “spettacolo” dei volontari ABC.