Incidente nel cantiere del viadotto Ritiro, muore un operaio messinese di 55 anni

Un gravissimo incidente sul lavoro è avvenuto nel tardo pomeriggio odierno in un’area attigua al cantiere autostradale per la costruzione del viadotto Ritiro. Un operaio messinese di 55 anni, Salvatore Ada, è morto dopo essere stato schiacciato da un jersey di cemento che si trovava su un camion nelle vicinanze della zona dove l’operaio stava lavorando. I grossi blocchi di cemento erano stati caricati su un camion per essere trasportati in un altro cantiere. Ada stava apponento le fasce di blocco, quando un jersey è caduto dal mezzo pesante colpendolo in pieno. L’uomo è morto sul colpo e a nulla sono valsi i soccorsi dei sanitari accorsi sul luogo del tragico incidente. Ada era un dipendente della Toto Costruzioni che ha diramato un comunicato di cordoglio: “La società Toto Costruzioni Generali, insieme a tutto il personale dipendente, esprime il profondo cordoglio per l’incidente mortale avvenuto oggi presso il cantiere di Messina del Viadotto Ritiro in cui ha perso la vita un proprio operaio durante lo svolgimento del lavoro. Le dinamiche dell’incidente sono in fase di accertamento e la società si è già messa a completa disposizione delle autorità competenti per le indagini. La Toto Costruzioni Generali fornirà alla famiglia tutto il sostegno possibile in questo drammatico momento”.

Anche il Consorzio Autostradale siciliano, tramite il presidente avv. Francesco Restuccia, la vicepresidente avv. Chiara Sterrantino, il consigliere arch. Sergio Gruttadauria e il direttore generale ing. Salvatore Minaldi, ha diramato una nota: “Alla notizia della tragedia ci siamo precipitati sul posto. Al momento le dinamiche del sinistro sono in fase di accertamento e rimaniamo in stretto contatto con la società Toto Costruzioni che si è messa immediatamente a disposizione delle autorità competenti. A nome nostro e di tutto il personale di Autostrade Siciliane esprimiamo il più sentito cordoglio ai familiari ed a tutti i cari della vittima del terribile incidente”.