Sentenza Cassazione su operazione Nebrodi, arrestato nuovamente l’ex sindaco di Tortorici

I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno dato esecuzione ad una Ordinanza emessa dal Tribunale del Riesame di Messina che dispone la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti dell’ex Sindaco del Comune di Tortorici, Emanuele Galati Sardo di 41 anni. L’odierna misura restrittiva è stata disposta a seguito di Sentenza della Suprema Corte di Cassazione, in ordine all’accoglimento di un precedente ricorso proposto dalla Procura della Repubblica di Messina.

Il Provvedimento oggi eseguito si inserisce nell’ambito delle investigazioni di cui alla nota Operazione “NEBRODI”, diretta dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Messina che, nel gennaio 2020, portò alla disarticolazione di due agguerrite e strutturate associazioni per delinquere di stampo mafioso, originarie della zona nebroidea: il gruppo mafioso dei “BONTEMPO-SCAVO”, capeggiato dal 49enne Aurelio Salvatore Faranda e il clan dei “BATANESI”, diretto da Sebastiano Bontempo, 49 anni, 72 detto “il biondino”.

Proprio a seguito della predetta operazione, peraltro, il Ministro dell’Interno, su proposta del Prefetto di Messina, il 18 dicembre 2020, dispose lo scioglimento del Consiglio Comunale di Tortorici, per la documentata esistenza di sintomi inerenti l’infiltrazione mafiosa della macchina comunale.

Secondo le ipotesi investigative, Galati Sardo, Operatore/Responsabile di un Centro di Assistenza Agricola a Tortorici, dal 2013 e sino alla nomina a Sindaco, avvenuta nel 2019, pur non organico ai gruppi mafiosi investigati dei “BATANESI” e dei “BONTEMPO-SCAVO”, avrebbe avallato la regolarità delle domande di pagamento dei contributi europei presentate dai vari sodali, di fatto favorendone l’illecito accrescimento economico.

Anch’egli destinatario nel gennaio 2020 di ordine di cattura ai domiciliari, nel successivo interrogatorio di garanzia, tuttavia, non più responsabile di un Centro di Assistenza Agricola, mostrò segni di ritenuta resipiscenza, pertanto venne esclusa la possibilità di reiterazione del reato, furono accolte le istanze difensive e revocato il provvedimento di custodia cautelare.

Questo pronunciamento venne impugnato dalla Procura della Repubblica di Messina e, a valle di un complesso iter giudiziario, la vicenda venne rimessa alle decisioni della Suprema Corte di Cassazione. Quest’ultima ha accolto il ricorso presentato dalla Procura della Repubblica di Messina, talché il competente Tribunale del Riesame dello Stretto, ha confermato l’impugnata misura degli arresti domiciliari, oggi eseguita dagli specialisti del Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata del Nucleo PEF di Messina, rafforzandola con il divieto di comunicare con persone diverse da quelle con le quali l’indagato conviva o dai quali sia assistito.

In tale complesso quadro, rilievo centrale hanno assunto le dichiarazioni di due esponenti del clan dei “Batanesi”, indagati nello stesso procedimento e che, raggiunti da ordinanza di custodia cautelare in carcere, hanno deciso di collaborare con l’Autorità Giudiziaria, divenendo collaboratori di giustizia: Giuseppe Marino Gammazza, 50 anni, detto “scarabocchio” e Carmelo Barbagiovanni, 50 anni, detto “u muzzuni”.

Marino Gammazza ha dichiarato di essere stato avvicinato da Galati Sardo, inizialmente, in occasione delle elezioni comunali del 2014 – 2015, con la richiesta di supportarlo nella competizione elettorale. Nell’occasione, tuttavia, l’ex sindaco perse le consultazioni elettorali.

Successivamente, quindi, Galati Sardo ripropose la propria candidatura nelle elezioni del 2019, riuscendo a conquistare la più importante carica comunale, e tale elezione venne sponsorizzata a Marino Gammazza direttamente dal fratello e dalla sorella di Sebastiano Bontempo detto “il biondino”, carismatico capo del gruppo dei “BATANESI”.

Carmelo Barbagiovanni descrisse l’ex sindaco come soggetto che, considerata la qualità di responsabile del Centro di Assistenza Agricola all’epoca rivestita, risultasse propenso a favorire gli interessi criminali di tutti i soggetti comunque contigui alla famiglia dei “BONTEMPO-SCAVO”, confermando come il politico fosse legato da rapporti di affinità con la sorella del “biondino”, nonché come risolvesse le contingenti difficoltà scaturenti dalla gestione delle illecite pratiche volte all’illegittimo ottenimento di fondi comunitari. In aggiunta, confermò l’impegno dei membri più autorevoli della consorteria dei “BATANESI” in occasione della competizione elettorale che avevano visto Galati Sardo vincitore.

In conclusione, con l’odierno provvedimento cautelare viene ulteriormente ribadita la “tetragona potenza malavitosa” delle strutture criminali oggetto delle investigazioni di cui all’Operazione NEBRODI, definita monumentale dallo stesso organo giudicante e che, il recente 23 aprile 2021, ha visto l’irrogazione, in abbreviato, seppur non definitiva, di oltre 50 anni di carcere per associazione mafiosa, nei confronti di 6 partecipi, tra cui proprio il Sebastiano Bontempo detto “il biondino” e i due collaboratori di giustizia.