Per anni picchia la moglie e la umilia anche in presenza di estranei, arrestato dai Carabinieri

Anni di soprusi, maltrattamenti fisici e psicologici, hanno convinto una donna a denunciare il proprio marito, già noto alle forze dell’ordine, che è stato arrestato dai Carabinieri di Mistretta. L’uomo è ritenuto di maltrattamenti in famiglia in danno della moglie.

Le indagini dei Carabinieri hanno consentito di ricostruire i maltrattamenti, fisici e verbali, posti in essere dall’uomo nei confronti della moglie che hanno avuto inizio sin dal principio del loro rapporto, nel 2013, culminati nell’ultimo episodio di violenza verificatosi il 23 aprile scorso ed hanno fatto emergere come l’uomo abbia privato la moglie di ogni mezzo di sostentamento, umiliandola in più occasioni in presenza anche di altre persone. In alcune circostanze l’uomo ha percosso la vittima per futili motivi arrivando a minacciarla persino di morte, inducendole una condizione psico-fisica di prostrazione.

Solo a seguito dell’ultimo episodio di violenza subito, la donna ha trovato la forza per recarsi presso la Stazione Carabinieri di Mistretta per chiedere aiuto, senza tuttavia voler denunciare il marito violento. I Carabinieri di Mistretta hanno comunque attivato la procedura del “Codice Rosso”, informando prontamente la Procura della Repubblica di Patti, diretta dal Procuratore Capo Angelo Vittorio Cavallo, che ha immediatamente richiesto al competente GIP l’emissione di una misura cautelare, mettendo così fine alle violenze subite dalla donna.

L’arrestato, al termine delle formalità di rito, su disposizione del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Patti (ME), Ugo Domenico Molina, come richiesto dalla Procura di Patti, su richiesta del Sostituto Procuratore Andrea Apollonio, che ha coordinato le indagini, è stato condotto presso la propria residenza e sottoposto al regime degli arresti domiciliari.