Militare morto dopo vaccino, dieci indagati per omicidio colposo

Sono una decina le persone che la Procura di Siracusa ha iscritto nel registro degli indagati per la morte di Stefano Paternò, 43 anni, sottufficiale della Marina militare ad Augusta, morto ieri mattina per un arresto cardiaco nella sua abitazione. Il giorno prima si era sottoposto alla prima dose di vaccino AstraZeneca dello stesso lotto (ABV2856) di cui oggi l’Aifa ha chiesto il sequestro in via precauzionale e riservandosi di prendere ulteriori provvedimenti, ove necessario, anche in stretto coordinamento con l’EMA.

Il procuratore capo Sabrina Gambino ha iscritto nel registro degli indagati la catena di distribuzione del vaccino dalla società Astrazeneca che lo produce e il personale sanitario dell’ospedale militare che si è occupato dell’inoculazione. L’accusa per tutti è di omicidio colposo.