Sicilia, freddo e neve a bassa quota

Il brusco calo delle temperature ha fatto sì che la neve cadesse abbondantemente anche a bassa quota in varie zone della Sicilia.

Nevicate consistenti sulle Madonie e sui Nebrodi, decisamente più deboli nelle zone sommitali delle Isole Eolie.

Da ieri pomeriggio non sono collegate con la terraferma Lipari, Salina e Vulcano e da due giorni tutte le altre isole, compresa la frazione di Ginostra a Stromboli. Sull’arcipelago continuano a soffiare raffiche di vento proveniente da nord che hanno raggiunto i 40 chilometri orari. Il mare molto mosso (Forza 6-7) ha bloccato nei porti aliscafi e traghetti. La temperatura continua a scendere, nella notte a 3 gradi e all’alba a 5 gradi.

I mezzi dell’Anas, impiegati nelle autostrade e nelle strade statali siciliane, hanno liberato in diversi tratti il fondo stradale. In particolare sulla Palermo-Catania, nel tratto a scorrimento veloce Palermo-Agrigento, nella zona di Lercara Friddi, e sulla statale Palermo-Sciacca all’altezza di Giacalone.

Neve anche sulla statale 120 e sulle provinciali delle Madonie.

Rimaste bloccate a causa del ghiaccio decine di auto nel nisseno, a Mussomeli, dove il primo cittadino ha anche ordinato la chiusura delle scuole.

Imbiancati anche i Nebrodi da Floresta a Ucria, a Tortorici, Castell’Umberto, Galati Mamertino, Alcara Li Fusi e Caronia.

Sul versante occidentale la neve è caduta su Cesarò, San Teodoro e sulla Strada Statale 117 Mistretta-Nicosia.