Scarica mobili e suppellettili nel torrente Gazzi, un cittadino filma tutta la scena

Giornata impegnativa quella del reparto Ambientale della Polizia Municipale di Messina guidata dal comandante vicario Commissario Giovanni Giardina, un’intensa attività d’indagine ha permesso di risalire al responsabile dell’abbandono dei rifiuti, un uomo che, utilizzando il mezzo della ditta presso la quale lavora, ha liberato un appartamento da mobili e suppellettili scaricandoli alla foce del torrente Gazzi. L’ispettore Giacomo Visalli, che ha seguito l’indagine, nelle prime ore del pomeriggio, ha individuato il veicolo e il suo conducente. Dalle immagini si nota la presenza di un’altra persona passeggiare con il cane, con assoluta indifferenza, nelle immediate vicinanze del veicolo. Per l’illecita condotta il responsabile è stato denunciato all’autorità giudiziaria, mentre sia l’area che l’autocarro sono stato sottoposti a sequestro giudiziario. L’uomo dovrà rispondere di  rasporto ed abbandono di rifiuti speciali pericolosi art. 256 D.Lgs 152/06 e di ostruzione al regolare deflusso delle acque D.R. 523/04.