Anni di maltrattamenti e aggressioni nei confronti del marito, nell’ultima lite lo accoltella

I Carabinieri della Stazione di Patti hanno arrestato, in flagranza di reato, la 53enne S.C., già nota alle forze dell’ordine, ritenuta responsabile dei reati di maltrattamenti contro familiari e conviventi e lesioni personali aggravate, commessi in danno del marito.

I militari sono intervenuti presso un’abitazione del centro cittadino, dove, poco prima, S.C. aveva aggredito il marito, accoltellandolo. Nell’appartamento i Carabinieri hanno riscontrato la presenza della donna e del marito, il quale era provato e dolorante e presentava tracce di sangue sul corpo e sugli indumenti. L’uomo, prima di essere trasportato in ambulanza presso l’ospedale “Barone Romeo” di Patti, ha ricevuto le prime cure da parte del personale del 118 intervenuto, avendo riportato una ferita da taglio all’avambraccio destro per la quale sono risultati necessari diversi punti di sutura.

Nell’appartamento, i Carabinieri hanno rilevato la presenza di tracce ematiche sul pavimento dell’ingresso, della cucina e del bagno, procedendo al sequestro di un coltello da cucina, di grandi dimensioni, individuato come arma del delitto consegnata dalla S.C. mentre, alla loro presenza, continuava ad inveire verbalmente nei confronti del marito.

Gli accertamenti condotti hanno permesso ai militari dell’Arma di raccogliere elementi a riscontro della reiterata condotta vessatoria tenuta, nel tempo, dalla donna nei confronti del marito, mediante maltrattamenti, sottomissione e aggressioni fisiche e pertanto la hanno arrestata in flagranza di reato per maltrattamenti contro familiari e conviventi e lesioni personali aggravate.

S.C., su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stata sottoposta agli arresti domiciliari, in un luogo diverso dalla propria abitazione. All’esito dell’udienza, su richiesta della locale Procura della Repubblica Patti (ME), il Giudice del locale Tribunale ha convalidato l’arresto operato dai Carabinieri e sottoposto la donna alla misura cautelare degli arresti domiciliari.