Razziava case estive a Gaggi e Castelmola, arrestato 22enne taorminese

Prediligeva le case disabitate o adibite a residenze estive, possibilmente prive di antifurto. Dopo il quarto furto denunciato dalle vittime nei comuni di Gaggi e Castelmola, i Carabinieri della Compagnia di Taormina (ME) hanno arrestato il 22enne taorminese T.A., già noto alle forze dell’ordine. Il valore della refurtiva si aggira intorno ai 4000 euro circa.

I Carabinieri della Stazione di Graniti (ME), analizzando il modus operandi dei ladri, hanno intuito che i furti potevano essere opera della stessa mano e si sono messi immediatamente sulle tracce dei malfattori. Dalla visione incrociata delle immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza installati in prossimità dei luoghi in cui sono avvenuti i furti e sulle possibili vie di fuga, è stato possibile ripercorrere le varie fasi delle azioni delittuose. Le risultanze investigative hanno permesso di accertare inoltre che, in tutti e quattro i casi, si è trattato di un’azione ben studiata e pianificata. Infatti, il ladro, con un complice ancora in via d’identificazione, sceglieva con accortezza gli obiettivi, individuandoli in immobili disabitati o comunque adibiti a seconda casa, ubicati all’interno di fondi agricoli e sprovvisti di allarme sonoro. Una volta stabilito l’obiettivo, gli autori agivano di notte per non essere disturbati, introducendosi all’interno delle abitazioni previa forzatura di porte o finestre. Una volta dentro, in poco tempo, facevano razzia di tutto il materiale di valore presente, prediligendo televisori e dispositivi elettronici da poter rivendere, nonché monili in oro. I Carabinieri, nonostante le accortezze adottate dai ladri per eludere le investigazioni, con un’attenta analisi dei vari indizi, sono riusciti a giungere alla compiuta identificazione dell’autore dei furti e raccogliere gravi indizi in ordine alla sua responsabilità per i quattro furti denunciati dalle vittime. La perquisizione eseguita a carico dell’indagato ha permesso, inoltre, di rinvenire una collana in oro asportata da una delle abitazioni depredate e di restituirla alla legittima proprietaria, consolidando ulteriormente il quadro probatorio acquisito contro di lui.

Il Gip del Tribunale di Messina, concordando con le risultanze investigative acquisite dalla polizia giudiziaria con il coordinamento della Procura della Repubblica, valutati i gravi indizi di colpevolezza e la pericolosità sociale dell’indagato, ha disposto l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei suoi confronti.