Furto e maltrattamenti in famiglia, due arresti della Polizia di Stato

I poliziotti della Squadra Mobile, unitamente ai colleghi del Commissariato di P.S. di Barcellona P.G., hanno eseguito l’ordine di espiazione di pena detentiva, emesso dalla Procura della Repubblica di Barcellona P.G., a carico di un messinese sessantaseienne ritenuto responsabile del reato di furto aggravato in abitazione, commesso a Enna nel 2016. L’uomo dovrà espiare la pena di un anno e 8 mesi di reclusione in regime degli arresti domiciliari.

Sempre a Barcellona Pozzo di Gotto, i poliziotti del Commissariato di P.S. hanno tratto in arresto, in attuazione dell’ordine di l’ordine di carcerazione in regime degli arresti domiciliari, emesso dalla Procura della Repubblica di Patti, a carico di un sessantatreenne di Tortorici. L’uomo, con numerosi pregiudizi di polizia, già sottoposto alla misura della sorveglianza speciale di P.S., e condannato per avere violato gli obblighi impostigli e le prescrizioni impartitegli dalla predetta misura e per essersi, inoltre, reso responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, consumati in Capo d’Orlando nell’anno 2008, dovrà espiare la pena residua di 8 mesi e 7 giorni.