Dai resti ossei rinvenuti è impossibile risalire alla causa della morte di Gioele

Non sembra trovare sbocchi la vicenda della morte del piccolo Gioele Mondello. Purtroppo i pochi frammenti ossei ritrovati dopo troppi giorni dalla sua morte, non consentirebbero di risalire alle cause del suo decesso. Lo ha riferito l’avvocato Pietro Venuti, legale di Daniele Mondello, padre del piccolo Gioele e marito di Viviana Parisi, trovati morti nelle campagne di Caronia per motivi ancora sconosciuti.

“Dagli esami effettuati oggi sul cranio del bimbo -afferma l’avvocato Venuti- non emergono lesività. Il cranio è integro comunque nei prossimi giorni verranno effettuati altri esami anche con l’aiuto di un veterinario per capire da quali animali possa essere stato attaccato. A questo punto, purtroppo mancando molte parti del corpo del piccolo, sarà quasi impossibile risalire alla causa della sua morte”.

Anche dall’esame sulla mascella del bimbo – prosegue Venuti – non è emerso nulla di significativo. Domani verrà eseguito un altro esame irripetibile sul pilone accanto al quale è stata ritrovata Viviana per verificare di nuovo se esistono tracce della donna, che al momento non sono state trovate”.