Aggredisce autista Atm con un pugno e lo spedisce in ospedale, individuato e denunciato

Ennesima aggressione a un dipendente Atm che è stato aggredito, senza apparenti motivi, da un passeggero che gli ha sferrato un pugno in un occhio e lo ha spedito in ospedale. L’aggressione è avvenuta nella serata di ieri all’interno di un mezzo che era diretto a Massa Santa Lucia, con a bordo diverse persone che hanno assistito all’incredibile scena. Lo sfortunato conducente è stato trasportato presso l’ospedale Papardo per le cure del caso. L’aggressore è stato individuato, bloccato e denunciato per lesioni.

Per il presidente Atm Giuseppe Campagna: “La situazione è davvero inaccettabile. Non è possibile che avvengano episodi di violenza nei confronti di dipendenti Atm, rei solo di fare il proprio dovere”.

Sulla vicenda è intervenuto anche il segretario del sindacato Orsa Mariano Massaro: “La normale richiesta di esibire il titolo da viaggio, una multa nelle strisce blu o un semplice ritardo del mezzo pubblico, autorizzano l’energumeno di turno all’insulto gratuito, agli spintoni, agli sputi… fino a sconfinare verso le vie di fatto e nelle lesioni personali.

ATM S.p.A. -prosegue Massaro- deve investire risorse per garantire l’incolumità dei lavoratori, bisogna individuare ogni strumento, ogni forma di tecnologia utile a evitare che i lavoratori restino isolati e inermi nei frequenti casi di aggressione che stanno ingenerando un’allarmante tendenza all’emulazione. All’amico Carmelo che ha trascorso la nottata all’Ospedale Papardo -conclude il sindacalista-, va l’augurio di pronta guarigione dei colleghi dell’ORSA e l’impegno della Segreteria teso ai porre in essere ogni strumento sindacale perché simili episodi non abbiano a ripetersi”.