Giovani nigeriane avviate alla prostituzione, sgominata banda di trafficanti di esseri umani

Vasta operazione della Polizia di Stato di Catania, con la collaborazione delle Squadre Mobili di Messina, Caltanissetta, Verona, Novara e Cuneo, per il contrasto del fenomeno della tratta di esseri umani. L’operazione è volta a contrastare un gruppo criminale specializzato nella lucrosa attività di human trafficking.

Gli arrestati, sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla tratta di persone e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione. E’ stata contestata l’aggravante di avere agito mediante minaccia attuata attraverso la realizzazione del rito religioso-esoterico del voodoo.

Le indagini hanno preso il via, dopo le dichiarazioni di una giovane nigeriana, giunta in Sicilia nel 2017, a bordo della nave “Aquarius” della Ong “Sos Mediterranèe”. La donna aveva lasciato il proprio paese, convinta da un connazionale, che le aveva promesso di garantirle un lavoro lecito. L’uomo, Osazee Obaswon, dimorante a Messina, dopo il suo arrivo a Catania, la prelevò per portarla presso la sua abitazione e avviarla alla prostituzione. Gli investigatori, hanno appurato che “Ozed”, era il leader di tutta l’organizzazione.

Alcune donne venivano immesse nel circuito della prostituzioni delle strade messinesi. Alcune “postazioni”, erano gestite da Belinda John, già arrestata, e condannata, in passato per reati di tratta di esseri umani. La donna era collaborata anche da James Arasomwan e Macom Benson. Ulteriori basi operative, erano dislocate a Novara, Verona e Mondovì.

Le indagini hanno fatto emergere una diversità di gestione, rispetto al passato. In pratica, mentre prima le vittime raggiungevano subito il proprio trafficante, adesso l’organizzazione prevedeva una “gestione per conto terzi”, per evitare che le forze dell’ordine arrivassero direttamente ai trafficanti.

Le donne costrette a prostituirsi, inviavano somme di denaro al voodolista, che le aveva sottoposte al rito esoterico. Il denaro, ovviamente, arrivava da canali non ufficiali, per evitare il tracciamento. Dall’analisi effettuata, il flusso di denaro movimentato nel periodo dell’indagine, è risultato essere di circa 1.200.000 euro. Soldi che venivano impiegati in investimenti immobiliari o per trasferire altre giovani vittime, da avviare alla prostituzione, con l’inganno.

Di seguito l’elenco degli arrestati:

OBASWON Osazee  (cl.’87), tratto in arresto a Messina;

ARASOMWAN James (cl.’88) tratto in arresto a Messina;

BENSON Macom (cl.’91) tratto in arresto a Messina;

WILLIAM Tessy (cl.’91) tratta in arresto a Novara;

OGHOGHO Evelyn (cl.’94) tratta in arresto a Novara;

EKAIRIA Faith (cl.’81) tratta in arresto a Verona;

NOSA Joy (cl.’78) tratta in arresto a Verona;

OGBEIWI Nelson (cl.’84) tratto in arresto a Verona;

JOHN Belinda (cl. ’80) tratta in arresto a Caltanissetta;

AIWUYO Rita (cl. ‘72) tratta in arresto a Mondovì (CN).