Messina, rogo in una casa a Montepiselli, anziana morta carbonizzata

Super lavoro dei Vigili del Fuoco di Messina che sono stati impegnati su diversi fronti. Stanotte un’abitazione ha preso fuoco per motivi in corso di accertamento. All’interno c’era un’anziana di 92 anni, Rosita Pintabona, che è morta carbonizzata. Le ipotesi al vaglio degli inquirenti sono diverse, ma sembra che a causare l’incendio sia stato il malfunzionamento di una stufa. Da una prima ricostruzione, la donna sarebbe stata raggiunta dalle fiamme, mentre tentava di accendere una stufa a gas. Poi è accorsa in bagno per cercare di spegnerle con l’acqua, ma è proprio qui che i Vigili del fuoco l’hanno trovata senza vita.

Un altro incendio si è sviluppato stamani in un appartamento a piano terra in un palazzo di via Consolare Pompea. Una sigaretta arrivata incidentalmente su un materasso, avrebbe scatenato l’incendio. All’interno dell’appartamento viveva un disabile tratto in salvo dai Vigili dle fuoco che sono entrati tagliando le grate di una finestra. Contemporaneamente si è intervenuti anche al terzo piano del palazzo. Qui, infatti, il fumo della casa del piano terra, è stato  risucchiato dalla tromba delle scale e gli unici due proprietari, marito e moglie, che hanno aperto la porta del loro appartamento, hanno creato un effetto tiraggio permettendo al fumo di invadere completamente la loro abitazione, tanto da non riuscire a respirare. I Vigili del fuoco son subito intervenuti facendo uscire immediatamente in balcone i due intossicati cosicché si sono potuti mettere in salvo grazie al cestello dell’autoscala che ha permesso il trasporto dal balcone fino all’area esterna della palazzina dove sono stati affidati al personale medico, per poi essere trasportati con urgenza in ospedale per le cure del caso.