Pista di ghiaccio di piazza Cairoli chiusa, multata quella di piazza Duomo

Il Christmas Village di Messina non è nato sicuramente sotto una buona stella. Dopo le mille vicissitudini del Giardino della luci, la Polizia Municipale di Messina ha sottoposto a controllo anche le piste di ghiacchio del centro città.
La pista da ghiaccio di piazza Cairoli è stata denunciata per violazione dell’art.69 tulps non conciliabile (inizio attività senza licenza), con contestuale cessazione dell’intrattenimento e provvedimento del Questore di inibizione attività; la pista da ghiaccio di piazza Duomo è stata multata ai sensi dell’art 9 tulps non conciliabile, con diffida del Questore e per l’art. 20 L.R. 18/95 per vendita prodotti alimentari senza autorizzazione.

La Polizia Municipale ha elevato 107 verbali al Codice della Strada tra autovelox, divieti di sosta e verie irregolarità sui veicoli. Prelevate 11 autovetture in divieto di sosta, sequestrata una bici elettrica a pedalata assistita assimilabile per modifiche ad un ciclomotere elettrico. Sequestrato un impianto di un fracassone e denunciato all’Autorità giudiziaria. Sottoposti a controlli etilometrici 18 conducenti e deferito all’autorità giudiziaria uno di loro con l’immediato ritiro della patente di guida per superamento del tasso alcolemico oltre i limiti previsti. Decurtati un totale di 64 punti dalle patenti di guida ed elevati verbali per un totale di quasi 15.000 euro. Di rientro, a fine turno, le pattuglie della Polizia Municipale sono anche intervenute prontamente sul viale Boccetta in soccorso al conducente ed ai trasportati di una macchina in panne, che a causa di un problema al motore, aveva preso fuoco. Effettuato il primo intervento spegnendo le fiamme con l’estintore in dotazione su uno dei veicoli di servizio, è stato richiesto l’intervento dei vigili del fuoco.
Impegnativa e proficua anche l’attività svolta dalla Sezione Annona che ha effettuato 5 i sequestri di attrezzature finalizzate alla vendita ambulante con confisca, ed esattamente in via San Cosimo, in largo La Rosa e in via Pietro Castelli. In una di queste strutture sono stati rinvenuti pure i pali ed un cartello di segnaletica viabile che erano stati divelti e occultati per occupare con la struttura abusiva, lo stallo che era stato delimitato per disciplinare la regolare attività di carico/scarico merci. Gli autori di queste occupazioni, le cui identità sono state già oggetto di specifico accertamento, verranno denunciati anche per danneggiamento, furto d’acqua e di energia elettrica.
Eseguito in ultimo un controllo su un locale del centri che è stato denunciato ex art.659 c.p. per disturbo quiete pubblica con sequestro impianto amplificazione e relativa cassa acustica presso pubblico esercizio, con ulteriore attività di accertamento per l’occupazione spazi esterni.