Maltempo, Eolie in ginocchio, danni a Messina e provincia

Tutta la costa tirrenica del Messinese, come da previsione, è stata flagellata dai venti e dai marosi che hanno provocato enormi danni ovunque. A Messina un albero è caduto in via Buganza danneggiando un’autovettura, enormi danni anche al tanto discusso “Giardino delle luci” di piazza Cairoli e al Presepe allestito accanto la Cattedrale.

Continuano ad essere non raggiungibili le isole dell’arcipelago delle Eolie, sferzate da un forte vento che ha raggiunto anche la velocità di 80 chilometri l’ora e provocato danni a coltivazioni, abitazioni, strutture pubbliche e nei porti. Mareggiate hanno invaso ancora una volta l’abitato di San Gaetano ad Acquacalda, investito il porto di San Pietro e danneggiato la già precaria struttura portuale di Ginostra. In quest’ultima frazione marinara i rifiuti parcheggiati nell’area portuale sono stati portati via dalle onde. Stromboli, Ginostra, Panarea, Alicudi e Filicudi sono isolate da due giorni, mentre Lipari, Salina e Vulcano da ieri pomeriggio.