Abusivismo edilizio a Lipari, sequestrata un’area di 10.000 mq

Gli uomini del Corpo Forestale della Regione Siciliana di stanza al Distaccamento Forestale di Lipari, hanno dato esecuzione al sequestro di un’area di circa 10.000  mqdi proprietà di L.M. anni 54 domiciliato a Lipari – Quattropani. All’uomo sono stati contestati una serie di reati perché in qualità di proprietario, ha realizzato senza alcun permesso di costruire: un battuto in cemento antistante il fabbricato con due gradoni che parzialmente occupano la strada comunale. Il 54enne ha effettuato cambio di destinazione d’uso nell’immobile da magazzino a info-point, una nuova tramezzatura per formazione locale wc, all’esterno un nuovo pozzo nero disperdente; un livellamento del terreno e realizzazione di una regimentazione artificiale delle acque provenienti dalla stessa area e dalla limitrofa, dove su quest’ultima sono state convogliate le acque della soprastante proprietà. Tale regimentazione è stata formata con canali di scolo in cemento, griglie e canali di convogliamento, che scaricano nei fondi sottostanti il terreno livellato. Inoltre, il livellamento ha prodotto la cancellazione della continuità della strada vicinale con un sentiero storico ed una strada sferrata. Inoltre, è stato effettuato uno sbancamento e livellamento, finalizzato alla formazione di un parcheggio privato con recinzione, cancello in ferro e rampa in calcestruzzo, per un’area stimabile di circa mq 1000,00. L.M, ha eseguito in assenza di necessario parere preventivo della Soprintendenza dei Beni Culturali e Ambientali opere in conglomerato cementizio, movimentazioni di terreno e cambio di destinazione d’uso di un immobile, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico e dichiarata di notevole interesse pubblico. L’uomo ha eseguito lavori in conglomerato cementizio, in assenza di un progetto esecutivo redatto da tecnico abilitato e senza che l’esecuzione di tali opere avvenisse sotto la direzione di un tecnico abilitato. Ha invaso al fine di occupare, senza avere alcun titolo abilitativo, la strada comunale, quindi terreno destinato a uso pubblico, adiacente l’immobile della suddetta ditta, tramite la realizzazione di gradoni di accesso allo stesso immobile. L’attività di sequestro è stata condotta dagli uomini del Corpo Forestale Regionale Siciliano del Distaccamento di Lipari, coordinati dall’Ispettore Ripartimentale delle Foreste di Messina. Alla conclusione delle operazioni di rito, l’area sequestrata e gli annessi manufatti, sono stati consegnati in custodia gratuita giudiziale al tecnico di parte.