Messina, truffa dello specchietto sventata da un poliziotto libero dal servizio

Ancora una volta un tentativo di truffa dello specchietto. Questa volta, però, grazie all’intervento della Polizia di Stato, non andato a segno. E’ successo ieri, in centro città, con il consueto canovaccio: la vittima, di solito una persona anziana, alla guida di un’auto viene accusata di aver danneggiato lo specchietto retrovisore dal truffatore di turno. In realtà, lo specchietto è già rotto e posizionato in  modo da simulare il danno.

Nel caso di ieri, il malvivente sosteneva altresì di essere stato colpito anche alla mano e che il colpo aveva danneggiato persino l’orologio che teneva al polso. Proponeva, ovviamente, che il danno venisse pagato in contanti, evitando così noiose e costose pratiche assicurative.

Stavolta, però, gli è andata male perché un poliziotto delle Volanti, libero dal servizio, compreso quanto stava accadendo, è intervenuto. I successivi accertamenti hanno confermato i sospetti del poliziotto e portato alla denuncia all’Autorità Giudiziaria del truffatore.