Tragedia a Trecate, messinese uccide il fratello per gelosia

Tragedia a Trecate (Novara) in Piemonte, dove il 40enne Rosario Saporito ha ucciso in casa il fratello Daniele Saporito, per una presunta gelosia nei confronti della moglie. L’uomo di origini messinesi, dopo l’ennesimo litigio con il fratello, gli ha sparato con una pistola, di cui si sconosce la provenienza, ed è fuggito. Sono stati i familiari della vittima, che vivevano nella stessa, casa a dare l’allarme.

I Carabinieri prendono atto del delitto commesso in casa e inizia la caccia all’uomo che dura qualche ora. Rosario Saporito, infatti, sentendosi braccato dagli uomini delle forze dell’ordine, decide di costituirsi ai Carabinieri di Novara che indagano sulla vicenda.

Daniele Saporito si era da poco separato con la moglie ed era tornato dalla Sardegna, dove si era recato per vedere i due figli. Aveva chiesto alla madre, che viveva con l’altro fratello e la moglie di quest’ultimo, di ospitarlo in casa a Trecate, solo per un periodo, fino a quando non avrebbe trovato un’altra sistemazione.

Il fratello era convinto che lui avesse una relazione con la moglie. Più volte tra i due ci sono state accese discussioni sulla vicenda. Daniele sulla gelosia del fratello scherzava anche con gli amici, sostenendo che mai avrebbe potuto fare una cosa simile. Rosario Saporito, invece, era convinto che questi continui tradimenti fossero reali e ha ucciso il fratello.