Violenza sessuale, rapina e lesioni nei confronti di una 90enne, convalidato arresto dei due minori

Nella tarda mattinata di oggi, si è svolta l’udienza di convalida delle misure cautelari proposte a carico dei due minorenni coinvolti nella vicenda relativa alla donna anziana aggredita lo scorso sabato pomeriggio. Per entrambi è stata applicata, come richiesto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori, la misura della custodia cautelare in carcere.

I reati contestati ai minorenni sono lesioni gravi, rapina pluriaggravata e violenza sessuale di gruppo.

“Quello che abbiamo visto – spiega il capo della squadra Volanti di Messina, Giovanni Puglianisi – è stato sconvolgente la povera anziana era a terra dolorante e sotto shock, non riuscendo a muoversi. Aveva numerose contusioni e fratture ed è stata portata al Policlinico di Messina in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita. I medici si sono riservati la prognosi”. “I due, come ci ha detto la vittima, erano due conoscenti e lei li ha fatti entrare in casa senza problemi anche perchè uno dei due è amico del nipote”. “Sono riusciti a rubare le chiavi dell’appartamento, che si trova in pieno centro a Messina, e sono tornati qualche ora dopo. – aggiunge Puglianisi – Un volta varcata la soglia, i due hanno cominciato a rovistare nei cassetti alla ricerca di denaro e di oggetti preziosi. Hanno picchiato e aggredito la donna perché non voleva rivelare loro dove era nascosto il denaro e i preziosi e, prima di fuggire con un bottino di un paio di occhiali e una bici, l’hanno violentata. Un gesto gratuito, inspiegabile e gravissimo. L’anziana è riuscita a rivelare il nome dei due aggressori e li abbiamo rintracciati sul viale principe Umberto mentre a Messina mentre camminavano tranquillamente”.