E’ un 35enne di Milazzo l’escursionista morto a Stromboli

L’eruzione del vulcano Stromboli ha provocato una vittima. Si tratta del 35enne di Milazzo, Massimo Imbesi, residente a Milazzo. L’uomo si trovava nella zona sommitale del vulcano. Era con un coetaneo brasiliano, ritrovato disidratato e in stato di choc. Entrambi stavano percorrendo un’area libera della frazione di Ginostra, senza guida perché al di sotto dei 400 metri.

Un elicottero dei pompieri decollato da Salerno è impegnato nel salvataggio di due escursionisti che sarebbero caduti e non possono muoversi, con difficoltà operative per il gran fumo. Sull’isola è stato inviato un secondo elicottero dal reparto volo di Catania e anche la motobarca dal nucleo di Messina.

“C’è stata una potente esplosione. Abbiamo sentito un boato, poi si è alzata una colonna di fumo e lapilli incendiari su Ginostra e fiamme sui costoni del vulcano”: sono momenti di paura vissuti da alcuni testimoni, che raccontano di una vera e propria “pioggia di lapilli”.

La Protezione civile regionale siciliana ha disposto lo stazionamento alla fonda di Stromboli di una nave militare e di una nave privata a scopo precauzionale per interventi di soccorso e per una eventuale evacuazione dell’isola.

E’ salito a 70 il numero di persone che sono state fatte evacuare da Ginostra, la frazione di Stromboli maggiormente colpita dall’eruzione. Sono turisti che hanno avuto paura e non vogliono trascorrere la notte nell’isola.

La sala operativa della Protezione Civile regionale si è subito attivata. Secondo le prime informazioni raccolte attraverso Forestale, Carabinieri e Vigili del fuoco le esplosioni, con la caduta di materiale incandescente, avrebbe provocato una serie di incendi in diverse zona dell’isola.