Tentata rapina al bar Cucè, arrestato il complice di Balsamo

La Polizia di Stato  arresta il 21enne messinese Ivan Puleo. Il giovane è accusato di aver tentato di rapinare insieme a Emmanuele Balsamo, già assicurato alla giustizia, il bar Cucè di Messina. A ricostruire i fatti e a risalire ad entrambi i responsabili i poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Messina che ieri hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal GIP.

I fatti risalgono allo scorso 21 dicembre: una tentata rapina alle prime ore dell’alba viene perpetrata ai danni del noto bar cittadino. Passa meno di un mese e si risale ad uno dei responsabili, Emmanuele Balsamo messinese di 37 anni, che i poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Messina, impegnati nelle indagini, conducono in carcere in esecuzione di ordinanza cautelare.

La ricostruzione dei fatti operata grazie anche all’ausilio dei filmati estrapolati dai sistemi di videosorveglianza, della descrizione di chi era presente, dei tabulati telefonici acquisiti, permette di risalire anche al secondo uomo, complice morale e materiale. Gli investigatori non hanno dubbi, si tratta del 21enne ventunenne Ivan Puleo.

Armato di taglierino aveva fatto irruzione insieme al compare nel bar preso di mira intimando al titolare di consegnargli il denaro in cassa. Alla reazione del titolare era seguita una colluttazione costata al malcapitato un trauma cranico con ferita lacero contusa alla regione frontale sinistra.

Ieri pomeriggio gli investigatori lo hanno raggiunto in casa ed in esecuzione del provvedimento custodiale emesso dal Gip del locale Tribunale lo hanno condotto in carcere.