Spacciava ai domiciliari, controllava tutto con telecamere di sorveglianza

I carabinieri del nucleo Radiomobile si sono insospettiti quando hanno notato la telecamera posta all’ingresso dell’abitazione del rione “Mangialupi” dove Francesco De Domenico, 45 enne messinese, pregiudicato, con precedenti per detenzione e spaccio di droga era sottoposto al regime di detenzione domiciliare con braccialetto elettronico. Qualche appostamento aveva evidenziato movimenti sospetti e, pertanto, i militari nella serata di ieri hanno predisposto il controllo. Eludendo il sistema di videosorveglianza si sono avvicinati all’appartamento attraverso un passaggio secondario ed hanno suonato all’ingresso dell’abitazione dell’uomo approfittando dell’oscurità per non allarmarlo. De Domenico ha aperto la porta dell’appartamento e sorpreso dalla presenza dei militari sull’uscio ha tentato di opporsi al controllo cercando di impedire loro l’accesso in casa chiudendo a forza la porta. I militari però sono riusciti a vincere questa resistenza ed hanno bloccato l’uomo. E’ Scattata così la perquisizione domiciliare all’esito della quale sono stati rinvenuti quattro involucri in cellophane contenenti diverse sostanze stupefacenti: circa 4 gr. di eroina, 3 gr. di cocaina, 5 grammi di marijuana oltre a 3 grammi di sostanza da taglio ed ad un bilancino di precisione per preparare le dosi. Lo stupefacente è stato sequestrato così come l’impianto di videosorveglianza che costituiva un fondamentale ausilio all’attività di spaccio e Francesco De Domenico è stato tratto in arresto per i reati di detenzione di stupefacente ai fini di spaccio in attesa del rito direttissimo.