Giro di prostituzione nella zona della stazione ferroviaria, Gioveni scrive al Prefetto

Dopo alcune segnalazioni, il consigliere comunale Libero Gioveni, ha scritto al Prefetto affinchè intervenga per reprimere il giro di prostituzione che, ogni sera, si svolge nella zona della stazione ferroviaria di Messina.

“Da diverse settimane -scrive Gioveni- ormai e puntualmente quasi tutte le sere dalle ore 20 in poi, nei pressi della stazione ferroviaria e in particolare nella via Campo delle Vettovaglie e nella via Tommaso Capra, attorno al palazzo Satellite, si registra una nutrita presenza di prostitute che indisturbate praticano la loro attività incurante anche dei passanti.

Tale situazione -prosegue il consigliere comunale-, oltre ad averla verificata personalmente, mi è stata segnalata anche da qualche commerciante che peraltro a breve aprirà un’attività di ristorazione proprio nei dintorni, manifestando giustamente preoccupazione per le sorti future della sua attività che, certamente, al perdurare di questa indecorosa condizione, rischia già da ora di essere penalizzata.

Tra l’altro la zona (e ne è un esempio appunto l’imminente apertura di questa attività) sta crescendo anche sotto il profilo commerciale visto che già da mesi ha aperto anche un grande negozio di articoli per la casa parecchio frequentato, anche da minori.

Se poi si considera, al netto dell’oltraggio al pudore, che tale illecita attività, in un periodo di emergenza sanitaria come quello attuale a causa del Codid-19 -conclude Gioveni-, rischia maggiormente di aumentare i contagi, non si può non pensare di porre immediatamente un freno a tutto ciò con le necessarie azioni di repressione”.

(Foto Emanuele Villari)