L’Asp denuncia la Rai, i giornalisti non erano stati autorizzati ad accedere al Cutroni Zodda

La Direzione Generale dell’Azienda  Sanitaria Provinciale di Messina, ha sporto in data odierna denuncia-querela per l’esecuzione del servizio televisivo registrato all’interno del “Covid Hospital di Barcellona”, andato in onda il 17 novembre su Rai Uno Notiziario TG delle ore 20,00.

L’Ospedale di Barcellona PG è infatti sottoposto a strettissima sorveglianza sanitaria, in quanto sede di ricovero di pazienti malati di Covid-19, e l’ingresso degli operatori del servizio televisivo senza che nessuno ne sia stato a conoscenza può avere messo a rischio l’incolumità del personale sanitario dell’Ospedale e la stessa incolumità degli operatori televisivi.

Dagli atti di una relazione di servizio, a firma del dirigente medico di presidio, risulta che non è mai pervenuta alcuna richiesta di autorizzazione all’ingresso in ospedale ed a girare delle riprese nei reparti; comunque nessuna autorizzazione è stata mai concessa dall’Asp di Messina, ne poteva essere concessa.

E’ dunque, possibile, che la troupe televisiva per accedere in Ospedale si sia avvalsa della compiacenza di qualcuno.