Pandemia, un salasso economico per Messina e provincia, ecco i numeri della crisi

La crisi economica generata dalla pandemia da Covid-19, non risparmia quasi nessun settore produttivo su tutto il territorio di Messina e della sua provincia. Confesercenti Messina ha effettuato un sondaggio su un campione di 897 aziende di ogni categoria, mettendo a paragone il fatturato maturato tra il 1 gennaio e il 30 settembre 2019 con quello dello stesso periodo del 2020. I numeri sono impietosi. A salvarsi dallo tsunami che ha investito l’economia provinciale solo il settore alimentare che si mantiene fondamentalmente stabile, mentre gli unici segnali di crescita si registrano nel comparto dell’elettronica e telefonia.

“I dati emersi- spiega il presidente di Confesercenti Messina Alberto Palella- non sono altro che la fotografia di una crisi che non conosce precedenti e che non si arresterà se non si prenderanno provvedimenti immediati. Il nuovo stop deciso dal Governo è stato il colpo di grazia soprattutto per bar e ristoranti, ma non va sottovalutato l’effetto domino che a cascata coinvolge tantissimi altri comparti che oggi sono in estrema sofferenza a causa della riduzione del potere d’acquisto dei messinesi. Ora servono ristori veri alle imprese, poichè non possiamo più accontentarci delle briciole ricevute finora. E’ arrivato il momento di agire immediatamente su più fronti: la Regione faccia arrivare subito alle aziende i fondi annunciati, i 125 milioni dell’Assessorato alle Attività Produttive e i 75 milioni per il turismo, ma non perda altro tempo nemmeno sul versante del potenziamento della Sanità e riporti la Sicilia in area gialla, consentendo alle attività più penalizzate di respirare”.

IL SONDAGGIO

Calo di fatturato nei diversi settori produttivi di Messina e Provincia al 30.09.2020. Periodo di riferimento preso a comparazione: 1 gennaio/30 settembre 2019—1 gennaio/30 settembre 2020 su un campione di 897 aziende.

Ricettività

Ricettività intervistati %minima %massima %media
Hotel 11 -47% -61% -54%
B&B 21 -31% -49% -40%
Case Vacanze 15        -29% -53% -41%
Totale 47     -45%

Ristorazione

Ristorazione intervistati %minima %massima %media
Ristoranti 37 -29% -39% -34%
Bar 62 -31% -40% -36%
Pizzerie 49 -21% -27% -24%
Rosticcerie 21 -19% -23% -21%
Pasticcerie 68 -23% -31% -27%
Varie 18     -31%
Totale 255     -30%

Moda

Moda intervistati %minima %massima %media
Cerimonia 11 -53% -73% -63%
Sportwear 9 -29% -31% -30%
Boutique – Pret a Porter 89 -19% -29% -24%
Calzature e Pelletterie 15 -18% -23% -21%
Sport specializzati

Ottici

5

21

-31%

-21%

-38%

-27%

-35%

-24%

Totale 150     -33%

Intrattenimento ed eventi

Intrattenimento intervistati %minima %massima %media
Cinema 3 -59% -79% -69%
Eventi – Sagre – Fiere 18 -61% -98% -79%
Convegni 5 -39% -65% -52%
Discoteche 7 -51% -86% -70%
Parchi giochi per bambini 5 -31% -57% -44%
Totale 38     -63%

Agenti di commercio

Agenti di Commercio intervistati %minima %massima %media
Moda 31 -41% -53% -47%
Food 22 -11% -27% -18%
Servizi e varie 46          -31% -41% -36%
Totale 99     -34%

Estetica e Benessere

Estetica e Benessere intervistati %minima %massima %media
Centri estetica 18 -16% -26% -21%
Parrucchieri 51 -27% -35% -31%
Palestre e scuole di ballo 13          -31% -41% -36%
Profumerie 11          -19% -29% -24%
Centri Benessere 0             0 0 0
Totale 93     -28%

Banqueting

Banqueting intervistati %minima %massima %media
Catering 3 -37% -45% -41%
Fotografi 14 -47% -59% -53%
Fiorai 26 -31% -37% -34%
Gioiellerie e Orafi 33 -29% -42% -36%
Articoli regalo 18 -35% -43% -39%
Arredamenti per interni 5 -25% -31% -28%
Agenzie viaggio 13 -46% -60% -53%
Totale 112     -41%

Vari

Vari intervistati %minima %massima %media
Distributori carburante 27 -18% -31% -25%
Taxi e NCC 19 -23% -31% -27%
Cartolerie 7 -% -% -18%
Librerie 4 -% -% -18%
Panifici 41 -% -% -7%
Alimentari 5     +1,9%
Elettronica- Telefonia – Computer  Elettrodomestici        

+7,6%