Vigili urbani messinesi rischiano di rimanere senza vestiario, Csa: “Si corra ai ripari!”

Dopo le richieste di fornitura delle divise agli Agenti di P.M. (soprattutto ai neo assunti) e la seguente polemica del Sindaco, che ha a più riprese affermato che le risorse ci fossero e non venivano spese, è il Sindacato CSA a cercare di fare un po’ di chiarezza.

Dai dati contabili emergerebbe che in effetti, a fronte di una richiesta di circa 500.000 euro, lo stanziamento previsto dall’amministrazione è stato di appena 80.000 euro, che sono stati in parte già spesi per fornire del minimo indispensabile i motociclisti.

Solo quindi 63.000,00 euro sono rimasti per l’acquisto dei giubbotti invernali per i neo assunti (che, lo ricordiamo, hanno già acquistato di tasca propria l’abbigliamento e le calzature estive) che però (la gara è prevista per fine mese) dovranno rassegnarsi a soffrire i primi freddi perché la fornitura non potrà essere completata prima di fine novembre.

Dati poco edificanti per una qualsiasi Amministrazione che dovrebbe considerare il Corpo della Polizia Municipale il biglietto da visita da mostrare alla collettività.

Ecco perché il CSA, con una nota inviata al Sindaco, anche nella sua veste di Assessore alla PM, ed al Dirigente, ha chiesto che si metta mano con urgenza al bilancio per rimpinguare il capitolo per “Spese acquisto vestiario al personale P.M.” e garantire la realizzazione di un’adeguata fornitura di quanto necessario a dare a tutti gli operatori decoro e sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *