Stromboli, la Protezione Civile della Regione invia uomini a supporto del Centro Operativo Avanzato

Alle ore 5.00 di questa mattina una esplosione maggiore è stata registrata dai sistemi di monitoraggio e di sorveglianza del vulcano dell’INGV di Catania e dell’Universita di Firenze.

In atto, per Stromboli, sono già dichiarati il livello di allerta giallo e la fase operativa di attenzione.

Il dirigente generale della protezione civile siciliana, ing. Salvo Cocina, con i tecnici ed esperti dei Dipartimenti regionale e nazionale, dell’INGV, dell’Università di Firenze e con il Sindaco di Lipari seguono l’evoluzione del fenomeno sin dal suo verificarsi. È stato informato il Presidente Musumeci.

Nelle riunioni on line svoltesi in mattinata tra tutti i responsabili del monitoraggio dell’intervento, sono state verificate le corrette procedure attivate ed è stato tuttavia disposto, a fini precauzionali, l’invio di tecnici del dipartimento regionale per rafforzare temporaneamente il presidio del COA (centro operativo avanzato) dove comunque è presente H24 il personale della Protezione Civile siciliana.

Il fenomeno, identificato come “esplosione maggiore”, si caratterizza per un contenuto energetico superiore alle esplosioni stromboliane tipiche del vulcano, ma non attinge ai valori delle parossistiche verificatesi nel’estate del 2019 e produce effetti meno impattanti.
Pertanto, così come da procedura, non doveva scattare l’allarme.

È importante ricordare a tutti le cogenti norme di comportamento che bisogna rispettare a Stromboli, essendo questo un vulcano attivo.