Rifioritura e salpamento frangiflutti di tratti del litorale tirrenico, a breve avvio del lavori

E’ stata esperita la gara con aggiudicazione provvisoria alla Ditta AMEC srl di Santa Venerina di Catania con un ribasso del 27,30 % relativa ai lavori urgenti di salpamento e rifioritura delle barriere frangiflutti esistenti lungo il litorale tirrenico del Comune di Messina. Nello specifico si interverrà nei sei tratti tra Ortoliuzzo via Fazzina e via Campanella, tra i torrenti Tarantonio e Marmora, Cicerina e Rodia, Puccino e Giudeo, tra torrente Giudeo e Capo Rasocolmo e tra il depuratore di Acqualadrone e il torrente Mulinello. L’importo dei lavori a base d’asta è pari a 2.311.669,55 euro oltre Iva, a cui bisogna applicare il predetto ribasso. Le attività riguarderanno il salpamento e la rifioritura delle barriere esistenti che nel tempo sono state distrutte a causa dell’erosione costiera e della forza dei marosi al fine di ricollocarli e riposizionarli per evitare un ulteriore pericolo all’incolumità delle abitazioni vicine e del litorale stesso in attesa della progettazione esecutiva che interesserà un intervento molto consistente e definitivo (barriere soffolte e pennelli). L’Assessore Massimiliano Minutoli ha espresso la soddisfazione dell’intera Amministrazione in quanto, “grazie alla stretta collaborazione tra gli uffici del Genio Civile, Commissario Straordinario e il Servizio Comunale di Protezione Civile e difesa del suolo, si è riusciti a portare a compimento un progetto che risale al 2016 che riguardava l’urgenza di proteggere tratti di costa in attesa della risoluzione definitiva. Si procederà infatti, in futuro, al completamento degli interventi risolutivi che prevedono il posizionamento di barriere soffolte, pennelli e ripascimento della costa. Su questo fronte, dove quest’Amministrazione si è impegnata al massimo, corre l’obbligo di ringraziare il Commissario Maurizio Croce, l’ing. Antonio Platania ed il geologo Salvo Puccio per la capacità di effettuare un vero lavoro di squadra che ha permesso di accelerare i tempi dell’iter burocratico per l’avvio di questi lavori”. Si auspica, quindi, che questa collaborazione possa perpetuarsi allo scopo di portare a compimento con la stessa celerità anche il seguito amministrativo per la realizzazione delle opere definitive.

(Foto Emanuele Villari)