Covid-19, anche l’Atm avvia la “Fase 2”, ecco tutte le novità che saranno adottate

Anche l’Atm di Messina mette in campo le misure necessarie per affrontare la “Fase 2” dell’emergenza Covid-19. Le modifiche sono state esposte, stamani durante, una conferenza stampa su Skype, dai commisari liquidatori e dal direttore generale. E’ intervenuto, durante la videoconferenza, anche il vicesindaco Salvatore Mondello.

Piero Picciolo ha spiegato che l’Atm: “Vuole rendere più chiara e trasparente possibile l’azione dell’azienda. Saranno alcune attività nei prossimi giorni, in vista dell’apertura di nuovi esercizi commerciali e l’aumento di utenti che fruiranno dei mezzi pubblici. L’utenza dovrà accedere ai mezzi con il biglietto acquistato anche per via telematica, per evitare di creare confusione o assembramenti”.

Le modifiche necessarie, sono state esplicitate dal direttore generale Natale Trischitta: “Dovremo attivare nuove misure in base anche alle disposizioni del Ministero dei trasporti. Alcune sono già state adottate dal mese di marzo e ne aggiungeremo altre, anche se saremo penalizzati dal famoso 40% massimo di capienza previsto dalle normative. Fino a giovedì abbiamo trasportato circa 2.000 passeggeri al giorno. Considerato che molti lavoratori lavorano da casa, scuole e università sono chiuse, non ci dovrebbe essere un aumento consistente della domanda”.

La linea Shuttle è stata aumentata a 9 mezzi, così come altre linee che portano gli utenti nei villaggi. Durante la videoconferenza, è stato garantito che i mezzi sono igienizzati e sanificati giornalmente. Ma le novità più sostanziali riguarderanno il mantenimento delle distanze sociali e l’uso di mascherine. Sui mezzi pubblici verranno affisse locandine che descriveranno i comportamenti da adottare. Sui alcuni sedili, verrà applicato un adesivo che indicherà il divieto di utilizzarli, e gli utenti dovranno salire a bordo muniti di mascherine. A controllare che tutto questo sia rispettato, saranno i verificatori che erano stati posti in cassa integrazione e che hanno accettato di effettuare questo servizio. Gli utenti dovranno accedere dalla porta posteriore e scendere dal mezzo da quella centrale. Nei bus con due sole porte, gli utenti dovranno attendere l’uscita dalla porta posteriore e, successivamente, potranno accedere a bordo.

“Chiaramente -ha sottolineato il vicesindaco Salvatore Mondellole azioni intraprese sono di carattere eccezionale e sperimentale. Ciò significa che potranno subire delle modifiche in corso d’opera. Ma ciò che sarà messo in campo sarà codificato dai vari dpcm e dalle guide operative dell’Inail, quindi ci sarà poco spazio all’improvvisazione”.