Messinese bloccata a Malta per il Coronavirus: “Comunità S. Egidio ha salvato la mia anziana madre”

Riceviamo e pubblichiamo una lettera della signora Patrizia Filardi, rimasta a Malta, a causa dei divieti di spostamento imposti per il Coronavirus, tramite la quale ringrazia la Comunità S. Egidio di Messina, per essersi presa cura della madre, recapitandole la spesa e fornendole sempre conforto.

“Scrivo questa lettera con il desiderio di ringraziare pubblicamente la Comunità di S. Egidio per l’aiuto, la vicinanza e il sostegno, non solo materiale per la spesa ma anche affettuoso e per le parole, che in questo tempo di emergenza sanitaria da Covid-19, non hanno fatto mancare a mia madre e a tanti altri anziani come lei a Messina. Vivo a Malta per lavoro e non essendo riuscita a tornare visti i divieti, ho contattato la Comunità di Sant’Egidio chiedendo loro un sostegno per mia madre anziana che vive sola a Messina. Ho trovato gente disponibile, seria, ho provato un grande conforto a sapere che ci sono giovani volontari che si sono presi cura di mia madre anziana e di tante persone fragili come lei, non soltanto con la spesa, ma anche attraverso tante parole spese con lei. Mi raccontava mia madre che anche sotto la pioggia sono venuti a trovarla e a portarle conforto.

Lo voglio dire pubblicamente tramite una lettera ad un giornale perché non posso fare molto altro da qui, apprezzo la loro serietà e fedeltà, il modo in cui sono stati presenti e continuano a lavorare per rispondere alle tante domande di aiuto nella nostra città Messina in questo tempo difficile. Quando mi sarà possibile tornare a Messina, sarà mio desiderio ringraziare uno per uno tutti i volontari di S. Egidio e stringere loro la mano. La Comunità di S. Egidio ha una nuova alleata: voglio essere al loro fianco, aiutare per come mi sarà possibile mettendo al loro servizio le mie competenze di medico, la mia esperienza di madre e di donna. Sarà il modo per manifestare la mia immensa gratitudine. 

Grazie ancora”.