De Luca ottiene garanzie da Palermo per l’arrivo dei fondi a Messina

E’ andata a buon fine la trasferta palermitana del sindaco di Messina, Cateno De Luca, per verificare che le somme previste dall’art. 99 della finanziaria regionale votata a maggio del 2018, arrivassero a destinazione. Si tratta di 404 milioni di euro, di cui oltre 100 per la città di Messina. Il primo cittadino (all’epoca deputato regionale) presentò l’articolo denominato Omnibus, successivamente bloccato dal governo Conte che impugnò alcuni articoli della Finanziaria regionale. La Corte Costituzionale, nei giorni scorsi, ha stabilito la legittimità dell’articolo di legge in questione (vedi articolo correlato).

Il Presidente del Parlamento Siciliano Gianfranco Micciche’ e il Presidente del governo regionale Nello Musumeci, hanno manifestato la disponibilità a cassare la norma (comma 2 Art. 5) contenuta nella legge di stabilità in discussione in commissione bilancio, che avrebbe fatto saltare la realizzazione di strategiche infrastrutture per il territorio siciliano, già previste dall’art. 99 della legge 8/2018 (legge di stabilità regionale 2018).

Il Presidente della commissione bilancio, Riccardo Savona, ha individuato il percorso emendativo da sottoporre alla valutazione ed approvazione del parlamento siciliano nei prossimi giorni.

“Ringrazio tutti i parlamentari siciliani -ha affermato Cateno De Luca- che già si sono dimostrati, e che si dimostreranno, sensibili agli interessi della Sicilia e dei siciliani, votando questo emendamento in ossequio alla sentenza della Corte Costituzionale, depositata il 10 aprile scorso che ha respinto l’impugnativa che il governo Conte aveva proposto contro questa importante norma rappresentata dall’art. 99 della legge 8/2018”.