Annullamento ordinanza attraversamento Stretto, De Luca: “Vomitevole, consegnerò la fascia tricolore al Prefetto”

Oggi primo giorno di controlli agli imbarcaderi di Messina, per verificare la procedura messa in atto dal sindaco di Messina, Cateno De Luca, tramite la banca dati. La stragrande maggioranza di coloro che sono sbarcati erano a conoscenza della procedura e solo una piccola parte non era a conoscenza ed è stata invitata a registrarsi. Ma a guastare la festa, non al sindaco, ma a tutti i sicliani che chiedono controlli e tutele, ci ha pensato il Consiglio di Stato che, su input del ministro Lamorgese, ha emesso un parere favorevole in merito a un annulamento della delibera del primo cittadino peloritano. In merito all’annullamento, De Luca ha affermato: “E’ vomitevole che un ministro della Repubblica, in questo momento di emergenza, si occupi di una procedura straordinaria per annullare una ordinanza di un sindaco che è restrittiva e rispetta i principi di questo momento che stiamo vivendo di emergenza Coronavirus. Ancora più restrittivo per la salute pubblica. E’ proprio vomitevole. Lamorgese è inadeguata, si dimetta”.

“E’ vomitevole che lo stesso ministro che ha denunciato il sindaco di Messina per vilipendio – ha proseguito Cateno De Luca – non si è preoccupato di risolvere gli sbarchi abusivi che si registrano in Sicilia e cito per tutti la Renault 4 che continua a scorrazzare per la Sicilia”. Che annuncia anche di volere “consegnare la fascia tricolore alla Lamorgese” invitandola “ad occuparsi lei della fase emergenziale”. Il sindaco di Messina Cateno De Luca ribadisce “alla luce dell’ulteriore gesto che ha fatto il ministro” che “Lamorgese conferma la sua inadeguatezza al ruolo istituzionale che ha e quindi si deve dimettere”. Poi spiega: “La ministra agisce violentando il territorio e le rappresentanze democratiche del territorio – dice De Luca- Non vedo l’ora di assistere a questo spettacolo indecoroso di un Consiglio dei ministri che si riunisce per deliberare l’annullamento dell’ordinanza del sindaco De Luca e attendo pure che il Presidente della Repubblica faccia il suo decreto, come prevede la procedura, per recepire la delibera di annullamento”.
“Consegnerò simbolicamente la mia fascia tricolore al ministro Lamorgese, la farò avere in Prefettura e aspettiamo che venga la signora ministra a gestire questa situazione di emergenza che noi in trincea continuiamo a gestire, è un obbligo nei confronti dei miei cittadini. Diversamente mi sarei dimesso ma in questa fase non lo faccio. E’ ovvio che aspetto la ministra a gestire la situazione emergenziale in modo tale da tranquillizzare il popolo siciliano di fronte a questa vergogna di sbarchi abusivi che rasentano i crimini di Stato”.

De Luca, infine, ha chiarito che un parere non annulla nessuna ordinanza che, quindi, resta in vigore. Per annullare il provvedimento, è necessario che si riunisca il Consiglio dei Ministri che dovrà emettere una delibera e questa, dovrà essere recepita con decreto del Presidente della Repubblica.