Coronavirus, dopo le denunce in Procura del sindaco, finalmente i dati di Messina sono aggiornati

Sicuramente è una strana casualità, ma dopo le denunce del Sindaco di Messina, Cateno De Luca, finalmente sono stati aggiornati i dati sui contagiati di Coronavirus a Messina. Per tre giorni la Regione siciliana aveva fermato i dati della provincia peloritana a 16 contagiati, ma dalle pagine del nostro giornale vi abbiamo, man mano aggiornati, in merito a ulteriori contagiati a Messina e provincia. Nessun balzo, da un giorno all’altro, quindi, ma un incremento, sicuramente, preoccupante causato soprattutto dagli incoscienti che, tornati dal Trentino, invece di mettersi in quarantena, hanno preferito proseguire la loro vita sociale a contatto con tantissime persone, visto che si tratta anche di medici, e professionisti vari.

In Sicilia, i tamponi validati dai laboratori regionali di riferimento (Policlinici di Palermo e Catania) sono 4.468. Attualmente risultano positive 379 persone. Risultano ricoverati 210 pazienti (27 a Palermo, 105 a Catania, 17 a Messina, 1 ad Agrigento, 11 a Caltanissetta, 18 a Enna, 6 a Ragusa, 17 a Siracusa e 8 a Trapani) di cui 42 in terapia intensiva, mentre 169 sono in isolamento domiciliare, venticinque guariti (11 a Palermo, 5 a Catania, 4 a Messina, 2 ad Agrigento ed Enna, 1 a Ragusa) e quattro deceduti.
Il dato delle varia province vede l’impennata di Messina da 16 a 35, mentre  Agrigento, 29; Caltanissetta, 17; Catania, 156; Enna, 22; Palermo, 48; Ragusa, 6; Siracusa, 39; Trapani, 27.
La speranza è che, adesso, come richiesto dal primo cittadino peloritano, si realizzi una seria cabina regia di regia che sia di riferimento anche della stampa che non può avere notizie frammentarie da fonti più o meno affidabili. Questo, insieme al mancato aggiornamento dei dati, crea ulteriormente confusione tra la gente.