Anestesista positivo al Coronavirus aveva svolto servizio in un centro di S. Teresa di Riva

Arriva la notizia del diciassettesimo contagiato da Coronavirus a Messina, ma purtroppo, il numero sembra inevitabilmente a salire, visti i comportamenti scriteriati di alcuni concittadini che sono sordi agli appelli delle istituzioni e non rispettano le norme.

Si tratta di un medico anestesista che si trovava a Madonna di Campiglio, nel gruppo del 55enne trovato positivo sabato scorso al Coronavirus e ricoverato all’ospedale Papardo. Anche in questo caso, il medico non solo non ha seguito l’ordinanza del Presidente della Regione che imponeva il periodo di quarantena, ma è andato tranquillamente a prestare servizio anche nel centro diagnostico Fiumara di Santa Teresa di Riva.

Neanche a dirlo, visto il silenzio assordante dell’Asp di Messina, a darne notizia è il primo cittadino del comune jonico, Danilo Lo Giudice. Il sindaco di Santa Teresa di Riva, ha comunicato che tutti i dipendenti, dopo le opportune comunicazioni, sono posti in stato di quarantena insieme ai familiari. Sono state contattate anche anche le persone che sono state visitate, affinchè si mettano in quarantena.

Lo Giudice ha chiesto anche l’elenco di tutte le persone che mercoledì sono state presso il centro diagnostico, al fine di porre anche loro in stato di quarantena in via precauzionale, benché non siano entrate direttamente in contatto con il medico.