Atm ritiene inefficace la misura di Sciacca: “Andiamo avanti a tutela dei lavoratori e azienda”

“L’Azienda ATM in Liquidazione non riterrà valida ed efficace la sospensione disposta dal Dirigente Sciacca e, conseguentemente, alla scadenza dei trenta giorni stabiliti dalle legge ( 4.3.2020 ), in mancanza di raggiungimento di un accordo, procederà come per legge. Riteniamo doveroso manifestare le nostre perplessità in ordine alle determinazioni assunte unilateralmente dal Dirigente del Centro Per l’Impiego, Ing. Gaetano Sciacca”. Così in una lettera indirizzata al Centro per l’impiego, al Sindaco, al Vice Sindaco, all’Astra e ai sindacati i commissari liquidatori dell’Atm in liquidazione Piero Picciolo, Fabrizio Gemelli e Roberto Aquila.
“Infatti- proseguono i liquidatori – in occasione dell’incontro tenutosi il 13 febbraio scorso , a seguito delle perplessità manifestate da alcune sigle sindacali,  avevamo espressamente rappresentato (sebbene non risulta dalla sintesi a verbale) di non essere dimissionari, di essere i legali rappresentanti della Azienda Atm in Liquidazione e, conseguentemente, di essere legittimati a porre in essere la procedura di liquidationr, la quale, peraltro, si rendeva obbligatoria stante il termine stabilito fino al 31 marzo 2020 per la gestione provvisoria del servizio di TPL e servizi connessi”.
“L’Ing. Sciacca, – proseguono i liquidatori – ha ritenuto opportuno rinviare l’incontro per avere la presenza del Comune di Messina e della ATM s.p.a., “per poter affrontare i temi qui trattati compreso quanto riportato nella nota delle sigle sindacali. Invece, poi unilateralmente, il Dirigente del CPI ha ritenuto legittimo formulare una richiesta di parere all’Avvocatura dello Stato il cui contenuto non è dato sapere, considerato che tale iniziativa non è stata né condivisa con le parti né comunicata preventivamente, stante che i sottoscritti ne sono venuti a conoscenza soltanto perché l’Avvocatura ha richiesto documenti.
Tale iniziativa, comunque istituzionalmente irriguardosa, non appare funzionale al procedimento in corso né può far slittare i termini previsti dalla legge e, pertanto, appare pregiudizievole per i diritti dei lavoratori”
Infatti, qualunque verifica sulla legittimità della procedura e sulla legittimazione dei Liquidatori avrebbe dovuto essere fatta in occasione dell’incontro già fissato, nel quale sarebbero stati presenti anche i rappresentanti del Comune di Messina e della s.p.a. ATM, i quali avrebbero rappresentato le rispettive posizioni, in ragione delle quali sarebbe emersa l’opportunità di procedere, nell’interesse dei lavoratori, nella individuazione delle modalità da attuare per il mantenimento dei livelli occupazionali.
Come detto, non è dato sapere il contenuto della richiesta di parere, ma è ipotizzabile che attenga a circostanze di peculiare competenza del Dirigente, da rimettere ad un parere legale solo nel caso in cui nel già fissato incontro fossero emerse autorevoli e specifiche criticità, giuridicamente supportate, non certamente la verifica della legittimazione dei Liquidatori o la regolarità della procedura, entrambe riscontrabili da atti pubblici e dall’esame della normativa vigente, si ribadisce, di peculiare competenza del Centro Per l’Impiego.Tuttavia, si è preso atto della iniziativa unilaterale del Dirigente, ma non si ritiene legittima la comunicata sospensione dei termini.-Infatti, il termine di trenta giorni stabilito dalla legge, pur non essendo perentorio, può essere sospeso e/o prorogato soltanto con l’accordo delle parti, ed in particolare del datore di lavoro nel cui interesse (nel caso di specie esigenza) il detto termine è stabilito”.
“La sospensione illegittimamente disposta – concludono i liquidatori – comporterebbe un grave pregiudizio all’Azienda ATM in Liquidazione, la quale non avrebbe la possibilità di procedere ai licenziamenti decorsi infruttuosamente i termini di legge.
Ciò comporterebbe che l’Azienda dall’1 aprile p.v., pur non potendo più svolgere il servizio di TPL e servizi connessi, avrebbe in carico tutti i dipendenti, i quali a loro volta avrebbero il grave pregiudizio di non poter essere assunti dal nuovo gestore (il quale dovrà provvedere diversamente) e non avranno attività da svolgere né potranno percepire alcuna retribuzione.
In ogni caso, si conferma la più ampia disponibilità dei sottoscritti Liquidatori a porre in essere tutto quanto necessario per consentire un legittimo e proficuo percorso a tutela dei lavoratori, della collettività e di tutti i soggetti coinvolti e si invita il Dirigente a procedere con la massima celerità a convocare a brevissimo il tavolo fra tutte le parti interessate, considerato il gravissimo pregiudizio che tale situazione di ingiustificato stallo crea alla collettività, all’Azienda ed in particolare ai lavoratori interessati”.